Follow by Email

giovedì 17 maggio 2018

Il Sé


Il Sè è il principio stesso dell'essere...
Invece dei termini "Sé" ed "io" possiamo usare quelli di "personalità" ed "individualità"...tuttavia il "Sé" può essere anche qualche cosa in più della personalità.
...la personalità, intesa metafisicamente, niente ha in comune con quello che filosofi moderni chiamano la "personalità umana", che in realtà è l'individualità pura e semplice; del resto gli occidentali attribuiscono alla personalità quello che in verità è soltanto la parte superiore dell'individualità, o una semplice sua estensione...
Il "Sé" è il principio trascendente e permanente di cui l'essere manifestato, l'essere umano per esempio, non è che una modificazione transitoria e contingente, modificazione che non potrebbe d'altronde affatto alterate il principio..
Il "Sé" come tale, non è mai individualizzato, né può esserlo, poiché, dovendo sempre essere considerato nell'aspetto dall'eternità e dell'immutabilità, che sono attribuiti necessari dell'Essere puro, non è suscettibile di alcuna particolarizzazione...
Immutabile nella propria natura, sviluppa le possibilità indefinite che in sé comporta, per mezzo del passaggio relativo della potenza all'atto, attraverso un'indefinità di gradi, senza che la sua essenziale permanenza ne sia modificata...perché questo sviluppo è uno, propriamente parlando, solo considerandolo dal lato della manifestazione, fuori dalla quale non può essere questione di una qualsiasi successione, ma semplicemente di una perfetta simultaneità, di modo che anche quello che è virtuale sotto un certo rapporto non è meno realizzato nell'"eterno presente".
Quanto alla manifestazione, si può dire che il "Sé" sviluppa le sue possibilità in tutte le modalità di realizzazione, in moltitudine indefinita, che sono, per l'essere integrale, altrettanti stati differenti, stati di cui uno solo, sottoposto a condizioni d'esistenza.....costituisce la....particolare determinazione di quest'essere che è l'individualità umana.
Il "Sé" è così il principio per il quale esistono, ognuno nel suo proprio dominio, tutti gli stati dell'essere;...gli stati manifestati...come lo stato umano, o sopra-individuali, ma anche... lo stato non-manifestato, comprendente le possibilità che non sono suscettibili di alcuna manifestazione...
Tratto da "L'uomo e il suo divenire secondo il Vedanta" di R.Guénon
Google+