Follow by Email

martedì 12 novembre 2013

Psicosomatica delle affezioni Oculari delle Orecchie e della Bocca

AFFEZIONI OCULARI: Grazie agli occhi possiamo vedere il mondo esterno a colori (rappresentazione del sentimento), e poiché sono due in rilievo (rappresentazione della struttura).
L'occhio destro rappresenta la struttura dell'individuo, Yin, trasmette la visione orizzontale e l'occhio sinistro, Yang, che esprime la personalità dell'individuo, dona la visione verticale.
Gli occhi sono associati all'energia del Principio del Legno e in tal senso rappresentano il livello di percezione maggiormente in relazione con i sentimenti e con l'essere il che ci permettere di comprendere perché numerose miopie compaiono nell'adolescenza che è il periodo in cui il ragazzo soppesa i suoi punti di riferimento affettivi nei confronti del mondo esterno, al di fuori della struttura familiare.
La MIOPIA è la difficoltà di vedere lontano e rappresenta la paura inconscia del futuro.
La CATARATTA esprime la nostra paura del presente e del futuro che ci appaiono foschi.
La PRESBIOPIA  rappresenta il timore di vedere ciò che è presente o relativo a un futuro prossimo. Questa malattia è sorprendentemente simile alla memoria, gli anziani infatti ne son più soggetti, e rappresenta il ricordo sempre più offuscato dei fatti recenti e sempre più vivido dei fatti lontani. Si associa molto all'approssimarsi alla morte, e la scadenza della vita che non vogliamo "vedere".
L'ASTIGMATISMO simboleggia la difficoltà di vedere i fatti, le persone o noi stessi tali e quali come sono nella nostra vita ma distorti.
Lo STRABISMO ci troviamo in presenza di una persona che ha scelto di guardare la vita da un unico lato, una scelta difficile perché emargina e non facilita la quotidianità.
A seconda del lato dominante potremmo stabilire se la scelta del punto di vista è materna e strutturale (occhio destro) o paterna e di autonomia (occhio sinistro).
Le INFEZIONI OCULARI precisano che la difficoltà di vedere è dovuta a causa esterna la quale a volte ci infiamma come nel caso della CONGIUNTIVITE (forte intensità emotiva negativa, collera).
Nel GLAUCOMA la pressione in eccesso proviene da noi e la cosa interessante è che questo eccesso è causato da un canale di eliminazione ciò vuol dire che dobbiamo allentare la presa affinché la pressione riduca.
Tutte le malattie oculari indicano che abbiamo difficoltà a vedere qualcosa nella nostra vita e in particolare qualcosa che ci tocca a livello affettivo.
Che cosa non vogliamo vedere?Cosa mette in discussione il mio essere o l'idea del posto ce secondo me occupa? Domande associate alla sensazione di ingiustizia.
Se l'occhio interessato è il destro la tensione riguarda il rapporto con lo Yin (materno) , se l'occhio è il sinistro la tensione riguarda il rapporto con lo Yang (paterno). Lateralità Destra e Sinistra e Rapporto con i Genitori

AFFEZIONI ALLE ORECCHIE: Esse ci permettono di captare, ricevere e quindi trasmettere, codificandoli, i messaggi sonori.
Si rapportano al principio dell'acqua e per estensione alle nostre origini. Il suono "creatore" è stata la prima manifestazione del nostro Universo. Le orecchie ci ricollegano alle nostre origini: costituiscono in oltre uno dei segni dell'immortalità e della saggezza (Buddha), 
Per estensione le orecchie sono il simbolo della nostra capacità di ascolto, di integrazione e di accettazione di ciò che proviene dall'esterno, poiché permettono di ascoltare ma anche di intendere.
I problemi alle orecchie sono segno che incontriamo difficoltà a capire, oppure che rifiutiamo di capire ciò che avviene intorno a noi. Anche nel caso delle orecchie si parla di lateralità quindi di rapporto tra Yin e Yang (materna o paterna).

AFFEZIONI DELLA BOCCA: La bocca è ciò che ci permette di nutrirci ma anche di esprimerci.
E' una porta aperta tra il mondo esterno e quello interiore, mediante la quale riceviamo gli alimenti e per estensione, le esperienze di vita, ossia i nostri alimenti psicologici.
La bocca funziona anche nel senso opposto, ossia dall'interno verso l'esterno e in questo caso diviene l'orifizio tramite il quale ci esprimiamo oppure addirittura sputiamo o vomitiamo ciò che c'è dentro di noi
e che ha bisogno di uscire.
La bocca appartiene contemporaneamente sia al Principio della Terra che del Metallo e rispettivamente
all'apparato digerente Yin, e all'apparato respiratorio fase Yang.
E' la porta mediante il quale le energie della Terra (alimenti, esperienze) e le energie del Cielo (aria, soffio, comprensione) penetrano in noi per divenire Energia Essenziale.
L'appartenenza al Principio della Terra indica il suo importante ruolo nella nutrizione alimentare (cibo) e psicologica (esperienze); la presenza dei denti simboleggia la capacità di mordere la vita e masticare ciò che ci propone per mandarlo giù e digerirla più facilmente.
I mali della bocca contraddistinguono la nostra difficoltà a mordere la vita, ad accettare di ingerire ciò che ci propone, a masticarlo per meglio dirigerlo.
AFTE, INFIAMMAZIONI ORALI. GENGIVITI ecc persino i MORSI che ogni tanto ci diamo alla parte interna delle guance o sulla lingua, sono tutti segnali indicanti che quanto ci viene proposto o diciamo non ci soddisfa.
Quando l'infiammazione è di origine esterna come nel caso del MUGHETTO, vi si aggiunge una responsabilità esterna alla nostra insoddisfazione.
Educazione impartita che non ci sta bene, ha un sapore che no ci piace, difficoltà ad accettare nuovi sapori, ossia nuove idee o opinioni ed esperienze, ma possono costituire il segno di una saturazione, di un eccesso di esperienze e per estensione il bisogno di fare una pausa.
Il modo in cui mordiamo la vita è doloroso, ci fa male.

60 commenti:

  1. Articoli interessanti, mi affascina la psicosomatica.
    Io ho 2 afte all'interno del labbro inferiore a destra, a cosa potrebbero essere dovute? Quali potrebbero essere le cause?

    Grazie ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ti stai trattenendo di dire qualcosa a qualcuno che ti fa arrabbiare, o comunque stai trattenendo delle parole.
      Ti consiglio willow fiori di Bach sia da prendere per bocca che da applicare direttamente sulle afte!
      Un abbraccio e spero di esserti stata utile :)

      Elimina
  2. Ciao, ho letto oggi questo tuo articolo, molto interessante. Io sono miope, e la miopia è migliorata spontaneamente e notevolmente quando ho avuto una figlia - direi che torna con quello che dici. Cercavo le possibili cause di una congiuntivite virale che mi si ripropone spesso. Vedo che può essere la rabbia dovuta a qualcosa di esterno, e la spiegazione mi tornerebbe pure, ma il problema è mandarla via... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... la rabbia è causa di moltissime problematiche psicofisiche perché se non affrontata ristagna e crea disturbi.
      Quale occhio è più colpito?
      Ma soprattutto inizia a guardare la tua rabbia in faccia: chi ti fa arrabbiare? Quali situazioni? Puoi evitare le fonti della tua rabbia?
      C'è un fiore di Bach che aiuta a trasformare la rabbia in forza creativa ed è Willow potresti prenderlo puro.
      I fiori di Bach non hanno controindicazioni perché non hanno principi attivi ma agiscono a livello brivazionale

      Elimina
    2. Eh... la rabbia è causa di moltissime problematiche psicofisiche perché se non affrontata ristagna e crea disturbi.
      Quale occhio è più colpito?
      Ma soprattutto inizia a guardare la tua rabbia in faccia: chi ti fa arrabbiare? Quali situazioni? Puoi evitare le fonti della tua rabbia?
      C'è un fiore di Bach che aiuta a trasformare la rabbia in forza creativa ed è Willow potresti prenderlo puro.
      I fiori di Bach non hanno controindicazioni perché non hanno principi attivi ma agiscono a livello brivazionale

      Elimina
  3. Salve. Io ho una miopia piuttosto importante (-7,50 da entrambi gli occhi) e mi riconosco pienamente nella descrizione psicologica del miope inteso come persona che non vuole vedere il futuro perché ne ha paura. Come si può affrontare il problema? Uno psicologo potrebbe anche migliorare l'aspetto visivo della persona? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Il corpo è l'espressione della nostra anima e ogni tipo di problema o malattia ci comunica qualcosa di noi, del nostro profondo...
      Credo che il commento parli di te più di quanto credi... hai capito che è giunto il momento di cambiare approccio alla tua vita e di iniziare a guardare al futuro con fiducia.
      Ti consiglio un libro "le nostre zone erronee" poi ascolta te stesso e le tue esigenze e se senti di aver bisogno di aiuto non vergognarti...
      Se vuoi un supporto psicologico ci sono dei Coach che insegnano le persone a "volare" e spiegare le proprie ali

      Elimina
    3. Il corpo è l'espressione della nostra anima e ogni tipo di problema o malattia ci comunica qualcosa di noi, del nostro profondo...
      Credo che il commento parli di te più di quanto credi... hai capito che è giunto il momento di cambiare approccio alla tua vita e di iniziare a guardare al futuro con fiducia.
      Ti consiglio un libro "le nostre zone erronee" poi ascolta te stesso e le tue esigenze e se senti di aver bisogno di aiuto non vergognarti...
      Se vuoi un supporto psicologico ci sono dei Coach che insegnano le persone a "volare" e spiegare le proprie ali

      Elimina
  4. Buona sera, ho trovato il suo articolo molto interessante. Da settimane ho una grave irritazione intorno agli occhi, palpebre inferiori e superiori. Prurito, pelle secche, borse e rossore.... l'approccio degli specialisti é sempre la terapia con cortisone... ma io vorrei capire perché da 1 mese ho gli occhi in questo stato... vorrei vederci chiaro e soprattutto evitare terapie invasive. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Nel mio approccio alla vita prettamente olistico le rispondo chiedendole:
      Ha visto qualcosa che le ha fatto del male, l'ha fatta arrabbiare e irritare?
      Sospetta che qualcuno la stia tradendo?
      Gli occhi sono gli organi della vista ma anche il simbolo della "vista" intuitiva.
      Poi c'è da dire che secondo la medicina tradizionale cinese gli occhi sono collegati al fegato (rabbia) e quindi ritorniamo al discorso di prima ma le consiglio qualche giorno di dieta depurativa beva molta acqua e tisane, mangi leggero ma prima di tutto si interroghi sulla causa psicologica scatenante.

      Elimina
  5. Buongiorno,grazie per i suoi articoli. Conosco l'argomento e ho già avuto modo di sperimentare il collegamento tra lateralità del corpo, malattie e la nostra parte antica.
    Ora Le chiedo una spiegazione: ho fastidi in diversi punti del mio lato destro: orecchio, ho un fastidio dentro il padiglione. Do la colpa alla'uso del cellulare, ma so che questo ha solo permesso a qualcosa di più profondo di rivelarsi.
    Ho fastidio alla'arcata dentale destra: infiammazione gengivale.
    Infine ho fastidio al seno destro: ho avuto unningrossamento delle ghiandole,dovevo sottopormim a un ago aspirato e in fase di esame, le ghiandole o grumi da esaminare non c'erano più, ma ora sento lo stesso fastidio.
    Secondo lei ho molte cose represse nel rapporto con mia madre e con la vita?

    RispondiElimina
  6. Buongiorno,grazie per i suoi articoli. Conosco l'argomento e ho già avuto modo di sperimentare il collegamento tra lateralità del corpo, malattie e la nostra parte antica.
    Ora Le chiedo una spiegazione: ho fastidi in diversi punti del mio lato destro: orecchio, ho un fastidio dentro il padiglione. Do la colpa alla'uso del cellulare, ma so che questo ha solo permesso a qualcosa di più profondo di rivelarsi.
    Ho fastidio alla'arcata dentale destra: infiammazione gengivale.
    Infine ho fastidio al seno destro: ho avuto unningrossamento delle ghiandole,dovevo sottopormim a un ago aspirato e in fase di esame, le ghiandole o grumi da esaminare non c'erano più, ma ora sento lo stesso fastidio.
    Secondo lei ho molte cose represse nel rapporto con mia madre e con la vita?

    RispondiElimina
  7. Il fastidio all'orecchio mi fa pensare a qualcosa che preferisce non ascoltare o che le fa male ascoltare (a me succedeva da piccola mi si infiammavano le orecchie per i ripetuti litigi dei miei genitori), gengive e denti sono il simbolo dell'aggressività e quindi anche di quella che eventualmente reprime e la fa sanguinare... sangue è il simbolo della vitalità dell'energia interiore, il seno è Il simbolo più associabile alla maternità e quindi anche alla mamma, grumi e ghiandole le associo simbolicamente a piccole questioni irrisolte... che possono essere di entità grave o no...
    Purtroppo il rapporto con la madre è un rapporto talmente archetipicamente importante e perenne che non lo si può spezzare neanche decidendo di non voler avere più nulla a che fare con la propria mamma, anch'io ho un rapporto conflittuale con mia madre ma sto cercando di elaborare le problematiche pensando che i nostri genitori sono cmq umani e soggetti a sbagli e che oltre i nostri diretti procteatori fisici abbiamo quelli ancestrali che vogliano su di noi.
    Bisogna (e lo so che è difficile) accettare che anche una mamma può sbagliare... è l'unico modo per non cadere nei problemi psicofisici che potremmo portarci dietro per tutta la vita come problematiche irrisolte

    RispondiElimina
  8. Il fastidio all'orecchio mi fa pensare a qualcosa che preferisce non ascoltare o che le fa male ascoltare (a me succedeva da piccola mi si infiammavano le orecchie per i ripetuti litigi dei miei genitori), gengive e denti sono il simbolo dell'aggressività e quindi anche di quella che eventualmente reprime e la fa sanguinare... sangue è il simbolo della vitalità dell'energia interiore, il seno è Il simbolo più associabile alla maternità e quindi anche alla mamma, grumi e ghiandole le associo simbolicamente a piccole questioni irrisolte... che possono essere di entità grave o no...
    Purtroppo il rapporto con la madre è un rapporto talmente archetipicamente importante e perenne che non lo si può spezzare neanche decidendo di non voler avere più nulla a che fare con la propria mamma, anch'io ho un rapporto conflittuale con mia madre ma sto cercando di elaborare le problematiche pensando che i nostri genitori sono cmq umani e soggetti a sbagli e che oltre i nostri diretti procteatori fisici abbiamo quelli ancestrali che vogliano su di noi.
    Bisogna (e lo so che è difficile) accettare che anche una mamma può sbagliare... è l'unico modo per non cadere nei problemi psicofisici che potremmo portarci dietro per tutta la vita come problematiche irrisolte

    RispondiElimina
  9. Cara Antonella, che blog interessante! Tre mesi fa ho avuto una neurite ottica ischemica all'occhio dx e ahimè ho quasi perso la vista. Secondo lei anche in questo caso puo' esserci attinenza con il rapporto materno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rapporto con la madre ci accompagnerà sempre... si è sempre figli e anche quando i nostri genitori non ci saranno più, il rapporto che avevamo con loro e soprattutto quello materno influenzerà sempre la nostra vita.
      Logicamente ci si può lavorare ma rimane il fatto che noi siamo stati fisicamente generati da due persone e materialmente siamo il risultato della loro fusione.
      Ora passiamo all'occhio... certo che può avere una connessione con il rapporto materno
      La liberalità dei problemi psicosomatici, come d'altronde tutta la psicosomatica si presta all'unicità dell'interpretazione individuale e personale e questo perché si basa sul concetto che ogni individuo è unico e inesplicabile!!!
      Si chieda cosa non vorrebbe vedere nel rapporto con sua madre... su chieda se il blackout che ha avuto è una voglia inconscia di resettare qualcosa... e si domandi se in lei vede qualcosa di sua mamma che non le piace
      Spero di essere stata utile

      Elimina
    2. Scusi non liberalità ma lateralità

      Elimina
    3. E non inesplicabile ma irreplicabile
      Danni della scrittura automatica dei cell ;)

      Elimina
  10. Orecchi dx attappato da oltre un mese da muco interno. Cure su cure, ma niente, ho perso quasi del tutto l'udito. Cosa c'è che non va in me? Cosa posso fare?
    Grazie anticipatamente...

    RispondiElimina
  11. Salve. Ho trovato l articolo veramente molto interessante. Personalmente ho una parte sinistra (che io pensavo legata al materno...) molto bloccata in particolare un occhio molto miope ed astigmatico che influenza un po anche il destro (dominante) che comunque ci vede parecchio meglio. Da anni ho gettato gli occhiali e sto facendo esercizi per gli occhi ma sembrerebbe migliorare solo il destro... stessa cosa vale per le orecchie. Ho un acufene fastidioso nell 'orecchio sinistro e una sensazione di aver sempre l orecchio tappato (nonostante l assenza di tappi di cerume). Oltreche frequenti riniti, sinusiti e dolori cervicali quasi sempre localizzati nell area sinistra. Inutile aggiungere che da qualche anno la mia vita è un vero fallimento. Qualche dritta? Grazie. Carlo

    RispondiElimina
  12. Buongiorno, il mio bimbo di 7 anni dice che non riesce a leggere bene i caratteri piccoli ... e accusa mal di testa in diversi momenti della giornata.
    Grazie per l'aiuto che potrai regalarmi. Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbero esserci due spiegazioni psicosomatiche
      O il bambino non vuole vedere delle cose sai se a scuola è tutto ok? In famiglia?
      Oppure i problemi dei bimbi psicosomaticamente provengono dalla mamma nel senso che il bimbo fa da specchio... Non vuoi mettere a fuoco le cose che nella vita giudichi piccole? A volte sono le più importanti... Molto più di ciò che è evidente... Forse qualcosa ti sfugge perché sei te a non volerlo vedere.
      In ogni caso ti consiglio di approfondire il problema del bimbo da un oculista per capire il motivo fisiologico

      Elimina
  13. Salve,
    sarei curiosa di sapere se c'è un nesso anche con il cosiddetto "Occhio Pigro".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vogliamo prendere ogni singolo sintomo come una metafora della nostra anima beh certo che c'è.... Si domandi cosa è svogliato di vedere? O in che cosa sta diventando "pigro" nella vita? Provi a capire se c'è qualcosa che non vuole vedere perché la annoia..

      Elimina
  14. Buongiorno io psicologicamente sto malissimo. Non ho piu interessi, vorrei solo dormire e basta.in questi giorni non vedo bene dagli occhi. Vedo appannato. Mi hanno detto che sono astigmatica, ma pur avendo rifatto le lenti nuove continuo ad avere disturbi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Controlla la tiroide, vai d tuo medico curante e fatti prescrivere le analisi per la tiroide.
      Può darsi che non è quello il problema ma un controllo fa sempre bene

      Elimina
    2. Se ti va prendi dei fiori di Bach che possono aiutarti in questo periodo (non interagiscono con i farmaci e non hanno principi attivi)
      Gorse
      Hornebeam
      Olive
      Wild rose
      Rescue Remedy

      Elimina
  15. Risposte
    1. La psicosomatica ci distingue dalle macchine... Non siamo solo corpi meccanici ma abbiamo un'anima che utilizza il nostro corpo per esprimersi...se capiamo il linguaggio allora capiamo noi stessi nel profondo

      Elimina
  16. Ciao Antonella, grazie per l'interessante articolo. Anche io vorrei sapere nel mio caso in particolare, a cosa può essere dovuto un calazio persistente all'occhio destro... il calazio è in effetti un infezione oculare. Come potrei venirne a capo? Grazie!

    RispondiElimina
  17. Ciao Antonella, grazie per l'interessante articolo. Anche io vorrei sapere nel mio caso in particolare, a cosa può essere dovuto un calazio persistente all'occhio destro... il calazio è in effetti un infezione oculare. Come potrei venirne a capo? Grazie!

    RispondiElimina
  18. Vediamo... L'occhio destro corrisponde a due fiori di Bach chicory e walnut
    Sei in fase di cambiamento o di adattamento?
    Hai figli? Sono loro in fase di cambiamento?
    Chicory è il fiore della "mamma premurosa che si preoccupa eccessivamente per la prole" la mamma chioccia
    Credo tu sia uomo ma questo non vuol dire che non abbia una componente materna nei confronti delle persone care che possono essere genitori figli partner ecc..
    Il calazio può indicare una sofferenza per un cambiamento che non dipende solo ed esclusivamente da te
    Spero di esserti stata utile

    RispondiElimina
  19. Buongiorno,
    oggi mi sono svegliata con un occhio gonfio, che durante il giorno si è sgonfiato da solo. Non ho sentito nessun dolore (È da un po' che mi bruciano particolarmente gli occhi e ricorro al collirio, l'oculista mi ha fatto mettere occhiali da riposo). Cosa può significare questo gonfiore?

    RispondiElimina
  20. Stai vedendo delle cose questo periodo che ti fanno arrabbiare ma per un qualsiasi motivo non puoi risolvere?

    RispondiElimina
  21. Ciao, bell'articolo, interessante soprattutto per la condizione che ormai da anni mi affligge... ho una forte gengivite che ormai mi accompagna da lungo tempo, caratterizzata da periodi di forte infiammazione che condizione addirittura la mia igiene orale dal dolore... ho provato di tutto, impacchi di camomilla ma niente. Perlopiu ho una lingua a carta geografica che ha smesso di darmi problemi solo un annetto fa.. sono disperata, tutto ciò non mi da tregua e tanto meno sollievo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto ciò che ha che fare con la bocca e le sue infiammazioni è indice di rabbia e il fiore di Bach relativo sia alla parte che al sentimento è Willow lo potresti ordinare in farmacia da prendere insieme a rescue remedy
      Per quanto riguarda una vita naturale potresti usare due cose uno è l'olio di cocco (non cosmetico ma alimentare) che pulisce a fondo il cavo orale, allevia le infiammazioni, è antibattetico e antimicotico.
      In più potresti abbinarlo al tea tree oil che svolge in pratica le stesse azioni e lo puoi diluire in una bottiglietta di aqua e usarlo come colluttorio
      Mentre l'olio di cocco puoi usarlo proprio come dentifricio (o alternando con quello normale oppure dopo aver lavati i denti come di consueto ci passi con un dito anche l'olio in questione)

      Elimina
  22. Buongiorno, due tre settimane fa ho fatto i coni per le orecchie in quanto sentivo di avere del cerume che ustruiva il canale uditivo. In seguito le orecchie mi si sono gonfiate, soprattutto quello sinistro, con prurito. Pian piano si sono sgonfiate ma è rimasta quella sensazione fastidiosa di non sentire bene, di averle tappate, che non so come far andare via. Ho provato a usare degli spruzzi di acqua fisiologica, a vedere se c'è del cerume con il cottonfioc sebza trovare nulla (so che non è indicato farlo ma il fastidio eccesivo mi obbliga a farlo) . Il problema penso sia il fatto che nell'ultimo periodo le continue lamentele personali di una conoscente mi stavano facendo esaurire perché non riuscivo a dire di non volerle più sentire e assorbivo tutta la sua negatività su di me finché non mi è capitato questo. Ma da una settimana circa non sto più con quella persona e sto leggermente meglio ma cmq ho fastidio ogni tanto, come mai non passa? Come faccio ad andare più a fondo e scoprire realmente la causa se non è solo questa sopra citata?
    Ps. Inoltre mi sento sempre stanca durante il giorno, senza concentrazione e vigore per fare le cose che devo fare, mi sento pesante e ho mal di testa, (non so se sono depressa ma non penso) sento una stanchezza cronica già appena sveglia, cosa mi consiglia di prende (fiori di bach integratori..) e di fare per trovare la causa psicologica?
    Grazie per un'eventuale risposta.
    Le auguro buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente la causa è quella sopra citata e a volte le lamentele continue da parte di persone esterne ci rubano energia soprattutto se siamo ricettivi e sensibili
      In erboristeria si trovano le combinazioni già preparate per le varie necessità (ne esiste uno che ha la confezione gialla e serve proprio per la stanchezza)
      Ma se può farsi fare una miscela io consiglio walnut, hornbeam, olive e rescue remedy perché la proteggono e le danno la carica vitale

      Elimina
    2. Ps: il fastidio alle orecchie permane perché forse è stanca in generale di sentire la gente lamentarsi quindi si conceda un po' di relax e momenti con se stessa

      Elimina
  23. La ringrazio ulteriormente per la risposta e i consigli che cercherò di mettere in pratica.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Buongiorno,

    da 8 mesi il mio occhio sinistro non vuole più funzionare, nel senso che di colpo, a seguito di un lavoro molto stressante al pc, ha avuto un violento spasmo dei muscoli per la messa a fuoco. Per due mesi non ci vedevo più.. E non potevo stare alla luce. Passati tre mesi, l'occhio sinistro è in parte guarito (ho anche dovuto lasciare il lavoro), ma ha sviluppato miopia, astigmatismo e lieve exoforia.. Il problema è il dolore: ogni volta che cerco di leggere (carta o pc) è una vera tortura (come adesso), o anche guardare a lungo la tv, così come guardare lontano. Sto seguendo esercizi di ortottica per cercare di sciogliere lo spasmo accomodativo, ma fa sempre male. Come lei dice nell'articolo ho molta e molta paura del futuro, soprattutto ora che sono malata. Grazie per ogni consiglio (PS: sto cercando comunque di riscoprire piccole cose belle, come curare le piante, o sfogliare qualche libro d'arte, anche non posso leggere alcunchè per il dolore.. Ma la mia vita è un disastro attualmente). Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, a parte il lavoro stressante è successo qualcosa di traumatico nella tua vita?
      Intorno a quegli 8 mesi ma anche prima
      Attendo tua risposta

      Elimina
    2. Buongiorno a te,

      Sì, ho avuto molti eventi stressanti e alcuni traumatici: mio padre perse il lavoro dieci anni fa e non riuscì più a trovare nulla, aggravando una situazione economica già problematica. E mia madre, l'unica che lavorava ancora, morì di ictus all'improvviso cinque anni dopo. Per me fu (ed è) un colpo emotivo devastante. Tanto da ammalarmi due anni dopo per stress psicofisico (facevo l'università ma una facoltà impegnativa come l'ingegneria per trovare lavoro). Avevo l'apparato digerente completamente infiammato e che non teneva più niente, emicranie continue. Ho dovuto fermarmi e curarmi, con molta angoscia perchè si viveva già in ristrettezza massima (mai una vacanza, un ristorante, un cinema la sera, palestra.niente) e ogni cura con i suoi costi mi dava gran sensi di colpa. Comunque guarii, mi ripresi e finii l'università, facendo anche un lavoretto con cui pagarmi gli studi. Purtroppo è seguito un anno e mezzo disastroso, dove colloqui, giornate lavorative gratis, corsi, miei tentativi di lavori e poi proposti a chi di competenza, non hanno portato a nulla. Fino a questo lavoro di un anno fa..dove però non mi pagavano ("mi avrebbero dato qualcosa..") e io non sapevo nemmeno se sarebbe durato, oltre al fatto che 'non mi faceva crescere' di conoscenza/e. E poi lavoravo 9 ore ininterrotte al pc (salvo pausa pranzo alle 2 di mezz'ora), mentre la mattina prestissimo studiavo per un esamone da preparare.. Ora con questi occhi (e soprattutto quello con lo spasmo) non posso fare più nulla con gli occhi, che tra dolori e stanchezza devo staccare subito (infatti a scriverle ora sono già a pezzi). Non posso nemmeno guidare, leggere un giornale, o un libro. All'inizio era persino difficile tenersi in equilibrio, poi passati 3-4 mesi lo spasmo si è lievemente allentato tanto da permettermi di deambulare normalmente... ma psicologicamente mi sveglio con l'ansia di non guarire e non riuscire a combinare mai niente nella mia vita. Guardi, ho una stanchezza di vivere che (forse) non si immagina. Ma in questi ultimi due mesi sto facendo un volontariato molto leggero (occhi mai impegnati) più giorni a settimana, che mi sta facendo riscoprire le cose piccole e apprezzabili della vita. Ma se penso in generale, la mia vita è un disastro, e soprattutto economicamente non ho proprio idea di come tirare avanti in futuro e sono molto molto molto preoccupata. Perdoni la lunghezza del testo, ora vado riposare. Un saluto e grazie per ogni valutazione o consiglio.

      Elimina
    3. Il volontariato aiuta tantissimo in queste situazioni, e ti dirò di più se trovi la forza per fare qualche attività vuol dire che hai un'anima forte e che riuscirai ad evolvere da tutto ciò
      Mi spiace per tutti i tuoi traumi e vorrei consigliarti dei fiori di Bach (se sei di Roma te li faccio io e te li regal) per aiutarti a superare i traumi passati che si riversano nel presente
      L'occhio sinistro è l'occhio dei traumi ecco perché sono andata dritta alla domanda
      Se ti va io ti consiglio Rescue remedy e Star of Bethlehem che è il fiore del tuo occhio
      Non hanno principi attivi né contro indicazione aiuta o solo la tua anima a superare le avversità della vita
      Fammi sapere se sei di Roma o dintorni

      Elimina
    4. Grazie mille, gentilissima Antonella. Le tue parole mi sono di conforto e mi motivano ancora di più nel volontariato che sto facendo. Ogni giorno è dura alzarsi motivati, soprattutto quando si hanno dolori debilitanti (come nel mio caso all'occhio sotto spasmo e mal di testa che ne segue, con cervicale).
      Grazie mille per i consigli sui fiori di Bach (purtroppo non abito a Roma o dintorni, ma in nord Italia), che adotterò sicuramente, perchè vorrei proprio uscire da questo circolo vizioso e negativo, dove i traumi mi creano malattie debilitanti, che mi impediscono di accedere al lavoro, cosa che mi rattrista ancora di più e mi fa ulteriormente ammalare, o quando trovo qualcosina (dopo moltissimo tempo e che però non mi rassicura su nulla) vado dopo poco in panico e disperazione, non riuscendo a vedere la luce in fondo a questo vorticoso, stancante e doloroso tunnel. Grazie veramente Antonella, per la tua comprensione e gentilezza.

      Elimina
    5. Per ritrovare la luce invece aggiungi Sweet Chestnut
      Vedrai ti aiuteranno tanto e quando starai meglio dentro di te arriveranno anche le cose da fuori
      Un forte abbraccio

      Elimina
    6. Grazie mille, Antonella :-) Con i tuoi rimedi, rinnovo le speranze, per tutto. Aggiungo una domanda: siccome da tempo soffro di lieve ipotiroidismo (che mi dà stanchezza precoce e tendenza a ingrassare) (ma che con la vista non c'entra sia perchè presente già da prima, sia perchè i valori non sono mutati in questi mesi), la cura coi fiori sarebbe la stessa già consigliatami? Grazie e un augurio di buon tutto anche a te, gentilissima.

      Elimina
    7. Ti do un consiglio naturale per la tiroide lenta e per avere energia e perdere peso naturalmente accelerando il metabolismo; olio di cocco un cucchiaio o 2 al giorno circa da integrare nell'alimentazione giornaliera
      Guarda costa un pochino ma io l'ho ordinato online e ho trovato che i prezzi sono molto più convenienti che quelli dei negozi
      Per i fiori di Bach invece vanno bene quelli

      Elimina
    8. Benissimo! Grazie mille, cara Antonella. Spero che entro un mesetto i primi effetti dei fiori di Bach e dell'olio di cocco si facciano sentire, anche per darmi una sferzata di energia e un po' di positivismo per le problematiche, soprattutto di salute, che ora mi limitano moltissimo. Un augurio di buon ferragosto e buon tutto, per la tua immensa generosità e tanta tanta comprensione.

      Elimina
    9. Cara Antonella,

      sto continuando a seguire i tuoi consigli. Per ora è ancora presto per vedere effetti di miglioramento. Poi col freddo improvviso che è arrivato qui al nord mi sono pure presa una sinusite che non fa che indebolirmi ulteriormente, con mal di testa e credo infiammazione del nervo trigemino. Detto ciò, giusto due giorni fa mi sono concessa, pur con i suoi costi, la visita da un osteopata, cui ho riferito del problema alla vista e forse tiroide (esiti delle analisi a fine mese) dove con un'ecografia mi hanno trovato un piccolo nodulo.. :-( Cmq, l'osteopata guardandomi dice che ho la muscolatura tutta del viso, sempre nella parte sinistra, un po' 'fiacca': palpebra poco più bassa dell'altra, angolo della bocca meno mobile, occhio di un mm più basso. Insomma dice che potrei avere anche una (lieve) miastenia gravis oculare e del viso.. Ora andrò a fare gli esami che mi prescriverà. Certo sono molto affranta di avere tutta una serie di patologie che in pratica sono un auto-attacco del mio corpo: digestione difficile (pur controllando l'alimentazione), tiroide IPO (e adesso vedremo davvero i livelli degli ormoni), e adesso anche (forse) la Miastenia (dove i propri anticorpi attaccano i recettori tra nervi e muscoli, indebolendo la risposta di questi). Psicologicamente, so di essere frustrata, arrabbiata (con me stessa, con l'esistenza), delusa e rattristata. Il volontariato, un poco la preghiera (a ciò che è l'universo spirituale), qualche piccola uscita che la salute e i soldini mi permettono di fare una tantum con qualche amica/o mi aiutano. Mi dicono che devo accettare 'molti compiti' che siano finalmente legati alle mie passioni.. E li capisco, ma con questi occhi ho spesso così male che non riesco neanche a leggere un libro piacevole o da cui imparare, stare fuori a lungo senza mi venga un gran mal di testa e stanchezza. Se sono io a farmi questo, me ne rattristo tanto. Sento che avrei ancora di più da dare, ma stanchezza e occhi me lo impediscono. Pare un circolo vizioso. spero tanto che i fiori comincino ad agire presto. Non voglio dover prendere medicinali per la tiroide, o peggio ancora per la miastenia (cortisoni, immudepressori... Per carità!)

      Elimina
    10. Quando sono necessarie le medicine non possono non essere prese
      cerca di essere più forte dei tuoi limiti... Non puoi leggere? Cerca video su you tube sullo stesso argomento o affine invece di leggere ascolti...
      Bisogna cercare il coraggio in noi stessi, i fiori possono aiutare ma non se non lo vogliamo davvero
      Sii forte
      Un abbraccio grande

      Elimina
  25. Blog interessantissimo, grazie!
    Avrei una domanda da porre:
    La patologia del morso inverso cosa potrebbe indicare nella psicosomatica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vorrebbe un dentosofo per avere una visione chiara ma posso azzardare un'interpretazione secondo ciò che conosco
      Se avere un'arcata dentaria superiore con canini ben in vista può essere un'espressione esteriore di aggressività attiva della persona, il morso inverso potrebbe rappresentare un'aggressività repressa, nascosta, passiva...

      Elimina
  26. Cara, ho due sfoghi che sembrano afte sulla parte sinistra del palato. Secondo lei si tratta di qualcosa che non sto dicendo? Grazie, Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Tiziana...
      Una rabbia inespressa, in genere gli sfoghi nella bocca soprattutto se fastidiosi sono legati alla rabbia non espressa, parole non dette... Spero di essere stata utile

      Elimina

Google+