Follow by Email

giovedì 22 maggio 2014

Lo Zero Assoluto

Sei lo zero assoluto...
Sei il gelo che conserva il mio ghiaccio,  un muro maestro che si erge tra te e il mondo, iceberg più immenso e saldo non avresti  potuto costruire..
Non sento pathos, non vuoi trasmettere empatia, non un battito in più nel mio cuore, non un sussulto...
Forse sei solo uno specchio che mi urla in faccia la realtà, ciò che sono...ciò che sei...
Il risultato infame di un passato sofferto...un presente austero... un futuro impossibile...
Sei un vento freddo del nord, lo zero assoluto che fa sì che il ghiaccio del mio cuore rimanga intatto...
......Ma poi nella distanza sento il calore della tua anima..
Più ti allontani fisicamente più le tue barriere si fanno deboli e trasparenti...ti vedo per quello che sei... mi vedo per quello che sono...
Ti percepisco come un vento caldo del sud che passa e ti accarezza... tutto scioglie per far fiorire i giardini del cuore..
Come un frutto il cui guscio durissimo nasconde una tenerezza squisita...
Potrei nutrirmi nella tua distanza e morire nella tua vicinanza...
Sento come un filo che mi lega e più mi avvicino e più si fa fragile e teso, pronto a spezzarsi...
È completamente illogico, completamente assurdo, pura pazzia...
Sei mistero puro, la reazione anomala della mia mente, manifestazione del mio inconscio... Un rebus senza soluzione ...
Come il fuoco che bagna e l'acqua che brucia...
È qualcosa che non so spiegare, che non so comprendere... 
È come un potenziale che non è nel reale, come se un richiamo mi chiedesse di ignorare la tenebra per accenderci una luce...
Come un  grido d'aiuto che non posso ignorare... ma cerco di non sentire, mi tappo le orecchie e inizio a urlare più forte...
Sei lo zero assoluto che manda in fiamme ciò che ha senso...
Come un silenzio che fa rumore...
Mi domando... come possa scottare una fiamma che non brucia... Eppure la sento, eppure so che esiste ma non con la ragione...
Con la ragione la ignorerei...con la ragione la spegnerei...
Nell'AniMo Antico

Google+