Follow by Email

martedì 31 gennaio 2017

Eva; la natura ambivalente dell'essere


Avere desideri sessuali, ingannare, sedurre, tentare, imbrogliare, incolpare, confondere, nascondere, fuggire, rubare, mentire, rovinare il creato con le nostre mani (la attribuiamo al) la nostra natura femminile, perpetrare tradimenti attraverso la nostra mancina inconscietà data dal carattere proditorio di Anima, che è la fonte del male nell'Eden e dell'ambivalenza di ogni Adamo da allora in poi.
Noi vogliamo la sicurezza del logos, dove la parola è Verità e non può essere fatta vacillare.
La nostalgia dell'unità con il vecchio Sé saggio,  dove io e il Padre siamo una cosa sola, senza l'interferenza di Anima è tipica del Puer Aeternus, colui che sta dietro a tutti gli atteggiamenti adolescenziali.
Il puer non vuole mai essere cacciato dall'Eden, perché là conosce il nome di tutte le creature, perché là i frutti crescono sugli alberi e basta allungare la mano e coglierli, la fatica non esiste....
Questa sensazione di esser perfettamente compresi, confermati, riconosciuti, benedetti per quello che siamo si riproduce in tutte le situazioni di fiducia originale e allora pensiamo:  soltanto il mio migliore amico, soltanto mia moglie... mi capisce davvero fino in fondo.
Il fatto che questo non succeda... è vissuto come un atroce tradimento.
Per Dio stesso fu necessario creare
Eva, evocarla, farla uscire dall'uomo e questo portò alla rottura della fiducia originale mediante il tradimento.
Fu la fine dell'Eden; l'inizio della vita.
Dio e il creato non erano sufficienti per Adamo; era necessaria Eva, il che significa che il tradimento è necessario.
Sembrerebbe che l'unica via di uscita da quel Giardino passasse per il tradimento e l'espulsione..
Si arriva così a una verità fondamentale riguardo sia la fiducia sia il tradimento: l'una confine l'altro e viceversa.
Non si da fiducia senza la possibilità del tradimento.
Siamo traditi proprio nei rapporti più intimi, quelli in cui è possibile la fiducia originale.
Possiamo essere traditi davvero soltanto là dove ci fidiamo davvero.....
La fiducia ha dentro il seme del tradimento; il serpente era presente nel Giardino fin dall'inizio, così come Eva esisteva dall'inizio, preformata nella struttura intorno al cuore di Adamo.
La fiducia e la possibilità di tradimento fanno la loro comparsa nel mondo nel medesimo istante
Tratto da "Puer Aeternus" di James Hillman

Nessun commento:

Posta un commento

Google+