Follow by Email

giovedì 2 gennaio 2014

Analisi del 2014

Ho spesso avvertito una vibrazione positiva pensando all'anno 2014 in cui siamo entrati da ieri... Effettivamente a queste sensazioni ho cercato di dare un senso e una spiegazione ma soprattutto creo questo post per dare forza e speranza a tutti coloro che hanno affrontato il 2013 con difficoltà, l'anno delle prove, a tutti coloro che sperano in qualcosa di positivo per il futuro, a tutti coloro che sono comunque sereni e prendono la vita per quella che è!
Invito tutte le persone a creare la positività nella loro vita iniziando da loro stessi, e dalla loro forma pensiero, solo pensando positivo si creano materialmente eventi positivi!
Quindi buone vibrazioni positive a tutti ma aiutiamo l'evoluzione individuale e universale partendo dalla parte più profonda di noi!
Analizzerò il numero 14 contenuto nell'anno e della lettera ebraica corrispondente e il numero 7 che deriva dalla riduzione numerologica del 2014:
Parola chiave del numero 14: Libertà, Indipendenza, Sentimento
Rappresenta l'utilizzo costruttivo della Libertà, continua Trasformazione
La vibrazione del numero 14 consente di lavorare su limiti fisici psicologici spirituali,
di comprendere la lezione,
di modificare sistemi di vita antiquati,
di affrontare le sfide che la libertà di scelta comporta senza timore e la prigionia della paura del cambiamento.
Il numero 14 aiuta a vivere la sensualità, e la materialità senza smarrire le radici trascendentali e spirituali dell'essere.
Il numero 14 è anche associato alla lettera nun dell'alfabeto arabo ed ebraico e ha valore 50, corrisponde anche alla prima metà dell'alfabeto ebraico composto da 28 lettere e in oltre rappresenta simbolicamente la balena El-nut, da notare che nun significa pesce.
Il pesce-salvatore della tradizione indù, oppure l'ichthus dei primi cristiani, la balena svolge lo stesso ruolo del delfino:
Delfino:i greci lo chiamano «animale utero» e lo venerano tra tutti gli esseri vivi del mare, come se avesse scorto in esso la qualità che rende il mare a sua volta utero.
Delfino significa "utero", animale sacro di Apollo, che in virtù di questo rapporto, si chiama anche Apollo Delphinios.
Vi sono delle leggende greche che raccontano come i delfini hanno salvato i loro prediletti mortali o hanno portato i morti a riva.
Il termine "delfino" viene usato anche per indicare "figlio del dio" o figlio del re".
Simbolo dell'origine assoluta al di là della quale é la non esistenza, al di qua l'esistenza.
Pesce, nave, (mare) arca, sono immagini mitiche equivalenti.
Anche la caverna è un simbolo equivalente al delfino e alla balena, luogo di sepoltura e quindi di rinascita.
La forma della lettera ebraica corrispondente al 14 è una semicirconferenza con le punte verso l'alto, simbolo anche della coppa (Il Sacro Cuore e la leggenda del santo Graal) e da un punto all'interno di questo semicerchio che rappresenta il germe dell'immortalità, del nucleo indistruttibile.
Rappresenta anche la metà dell'Uovo del Mondo, lo sviluppo del germe spirituale che implica l'uscita dell'essere dal suo stato individuale, la nascita intesa come elevazione spirituale e presa di coscienza come l'eroe che esce dal ventre della balena, o dalla caverna iniziatica o dal ventre di un drago o mostro che sia...
La nuova nascita presuppone una morte (13) intesa come abbandono di vecchi schemi, metamorfosi.
Nell'alfabeto sanscrito la letta nun corrisponde alla lettera na la sua forma è identica al nun ma con le punte rivolte verso il basso quindi la metà superiore del cerchio, in pratica due figure complementari l'una con l'altra in quanto unendole si forma un cerchio con il suo centro , un ciclo completo, l'equivalente del Sole in ordine astrologico e dell'oro i ordine alchimistico.
L'arcata superiore è rappresentata dall'Arcobaleno e quella inferiore dall'arca, le due meta dell'Uovo del Mondo, una terrestre posta nelle acque inferiori e l'altra celeste posta nelle acque superiori.
Nun arabo corrisponde anche alla figura del Sole calante, mentre na sanscrito alla figura del Sole sorgente
Questa complementarità fa riflettere sul fatto se pensiamo al valore numerico 50 delle due lettere;
50+50=100=10=9+1 dove 1 è il centro e 9 è la circonferenza si evince che la loro unione forma il Tutto e tale unione deve svolgersi in un 'mondo intermedio', non solo spirituale e non solo materiale.
Questo significa anche che il compimento del ciclo deve avere una certa correlazione nell'ordine storico, con l'incontro delle due forme tradizionali che corrispondono al suo inizio e alla sua fine che hanno rispettivamente come lingue il sanscrito e l'arabo: la tradizione indù in quanto rappresenta l'eredità più diretta della Tradizione primordiale, e la tradizione islamica in quanto sigillo della Profezia e di conseguenza, forma ultima dell'ortodossia tradizionale per il ciclo attuale.
In pratica il 14 simboleggia la rinascita, la salvezza, l'evoluzione, l'unione e fusione tra la materia e la spiritualità verso una rinascita di completezza!
 Nun il 14° Archetipo
Quindi la vibrazione che porta con se questo 2014 è positiva e di rinascita individuale in un contesto universale.
Tra l'altro il 2014 si può anche ridurre a 7 che è il numero dell'equilibrio tra la materia e lo spirito;
 SETTE: Saggio - Il Sognatore - L'osservatore del Firmamento( consulta anche Il magico numero 7)
Principio: I sette pianeti visibili. I giorni della settimana. Il settimo giorno in cui Dio si riposò dopo la creazione. I sette colori dell'arcobaleno. I sette chakra o punti energetici principali del corpo umano. L'unione dello Spirito(3) e della Materia(4). Guarda al di là della visione comune, obbiettivi situati oltre il mondo fisico. Ricerca del significato profondo della vita.
Mediazione tra l'ego individuale e il divino. Interpretazione della realtà per trovare il senso della vita.
Qualità: Filosofo, scienziato, olistico.(da Numerologia)

Rinnovo l'augurio di un anno di crescita e rinascita
Nell'Animo Antico

Fonti: "Simboli della scienza sacra" R. Guénon 
            "Prolegomeni allo studio della mitologia" K.Kerènyi C.G.Jung   

Nessun commento:

Posta un commento

Google+