Follow by Email

mercoledì 12 febbraio 2014

Psicosomatica dell'Apparato Genitale

L'apparato genitale è il sistema fisico che consente la riproduzione e la sessualità. E' composto dagli organi sessuali, dalle ghiandole sessuali e dall'utero della donna.
Attraverso questo sistema estremamente elaborato, la discendenza umana si perpetua nell'incontro tra un uomo, di natura Yang e penetrante, e di una donna, di natura Yin di natura ricettiva.
Possiamo chiaramente ampliare il discorso e attuare la stessa cosa dentro di noi per poter evolvere.
Dobbiamo andare incontro all'altro aspetto di noi stessi, della nostra parte Yin, femminile se siamo uomini, della nostra parte Yang, maschile se siamo donne, così da evolverci e crescere.
Non si tratta naturalmente di sessualità, bensì di ciò che C.G.Jung ha definito Anima (femminile) e Animus (maschile).
Il nostro lato dolce, tenero, passivo, artistico, estetico, accogliente, non conscio, profondo (femminile) e quello deciso, forte, attivo, guerriero, difensivo, penetrante, conscio, superficiale (maschile).
Accogliendo l'altra parte del nostro essere possiamo crescere, evolvere e giungere progressivamente a fare la "pace dei contrari" ciò che Jung aveva battezzato "riconciliazione degli opposti", l'Unità in noi per creare, partorire così un altro sè.
Funzione Trascendente Yin e Yang
Archetipo dell'Anima e dell'Ombra
Processo di Individuazione
L'Amore Universale
Yin e Yang
E' altresì molto interessante notare che questa (pro)creazione ha tutte le possibilità di realizzarsi nel piacere e nella gioia (estasi, orgasmo) come previsto dalla vita.
Un fatto sul quale debbono riflettere coloro il cui processo di sviluppo personale con la forza, la costrizione, l'urgenza.
L'apparato genitale è beninteso quello che ci permette di procreare, di donare fisicamente la vita. Per estensione, esso ci trasmette anche in linea generale la capacità di creare, di partorire progetti, idee, nel mondo materiale.
Infine è anche l'apparato della sessualità, ossia della nostra capacità di creare nel piacere. Rappresenta la nostra azione, il nostro potere sull'altro, giacchè i tale particolare rapporto questi si abbandona a noi e noi all'altro.
Il potere deve pertanto essere reciproco e  rispettoso ed è ancora più grande quando si fonda sull'amore.
Rappresenta l'estasi suprema della creazione, dell'azione creatrice e fecondatrice condivisa con l'altro.
I mai dell'apparato genitale ci parlano della nostra difficoltà di vivere o accettare questa pace dei contrari all'interno di noi.
Possono manifestarsi in modi diversi, ma indicano sempre una tensione rispetto all'altro, sia esso il coniuge, un figlio o una loro rappresentazione dentro o fuori di noi.
E' questo il caso dei problemi all'utero che rappresenta la coppia, la famiglia, il nido, e che indica sovente tensioni o sofferenze relative al coniuge (assenza, frustrazione, decesso, conflitto ecc) oppure nel maschile, nello Yang dentro di noi.
Esprimo inoltre la nostra paura di partorire, che si tratti di un parto reale o simbolico, per mancanza di fiducia, per senso di colpa o angoscia.
Fonte "Dimmi dove ti fa male Glossario Psicoenergetico" Michel Odoul

Sono tantissime le donne che hanno problemi di natura psicologico-sessuale o fisici riguardanti l'apparato genitale.
Sono per lo più donne perchè nei secoli la cultura maschilista e sessista ha creato uno stato di sottomissione del femminile così che nelle donne è venuto a mancare il guerriero che è caratteristica dell Animus, mentre nell'uomo è successo il contrario, la sua presunta supremazia non gli ha permesso o comunque ha represso quella parte di delicatezza che tipica dell'Anima. Per capire meglio questo concetto vedere anche questo post  La Funzione Trascendente della Terra in cui parlo in maniera estesa dell'argomento.
Dal canto loro gli uomini di una certa età hanno problemi alla prostata, organo che rappresenta il potere riproduttivo maschile e quindi per esteso il potere in senso lato (maschile sulla donna), quando per motivi di anzianità viene meno questo status il corpo è come se rifiutasse quella parte di se attaccandola.

Nessun commento:

Posta un commento

Google+