Follow by Email

mercoledì 6 novembre 2013

Psicosomatica del Sistema Cutaneo


La pelle è uno degli organi più interessanti e più completi del corpo umano.
Si tratta dell'unico organo direttamente in rapporto a tutte le funzioni dl corpo e della mente, rappresenta un autentico cervello alla vista di tutti.
Incredibilmente irrorata e innervata su tutta la sua superficie, la pelle rappresenta uno straordinario strumento di informazione direttamente collegato al nostro cervello.
Il suo primo compito è quello di garantire protezione, rappresenta una barriera dal mondo esterno, inoltre permette la ventilazione cutanea, mediante la quale aiuta i polmoni nel loro ruolo di assimilazione dell'energia aerea.
La pelle adempie anche ad un altro ruolo non trascurabile e di assistenza per tutto il sistema di eliminazione del corpo. Allorchè i reni, vescica, intestino crasso e polmoni sono affaticati o ostruiti, la pelle dà il cambio e aiuta ad evacuare in particolare mediante la traspirazione ma anche attraverso gli odori, le dermatosi e così via... le tossine che l'organismo non riesce ad eliminare in altro modo.
E' infine interessante sapere che la pelle, inclusa quella dei muscoli, memorizza le nostre esperienze e le nostre emozioni, il che ci permette di comprendere perchè il tatto e certe tecniche di lavoro sul corpo come la Pratica Taoista delle Energie ottengano risultati sorprendenti, in particolare in tutte le manifestazioni di natura psicosomatica.
La pelle tra l'altro ha la capacità maggiore di cicatrizzazione, questo miracolo, la cui causa profonda è ancora inspiegabile, permette ad un organismo di autoripararsi, di ricostruirsi da sè, ed è stupefacente sia per la sua forza che per la sua efficacia.
Il ruolo sociale della pelle è altrettanto fondamentale. La pelle partecipa attivamente alla modalità di rapporto che intratteniamo col mondo che ci circonda.
Basti pensare che quanto più la società diventa asettica quanto più si privilegia l'apparenza e l'intelletto evitando il contatto con le persone, si mette al bando il tocco.
Ci si scusa se per sbaglio ci si tocca, ma se interrompiamo qualcuno mentre parla sembra quasi una cosa normale.
In linea generale i disturbi della pelle indicano le nostre difficoltà nel vivere il mondo esterno.
Elencherò alcuni dei più comuni disturbi della pelle con le loro cause psicosomatiche e significato:

ASCESSO: Si cova rabbia, si trattiene qualcosa che ci fa star male.
ACNE: Barriera dal mondo esterno: Sul viso (il quale rappresenta la nostra identità) per nasconderci dagli altri. Timidezza, dubbio, paura degli altri e dei giudizi.
FORUNCOLO: Qualcosa che rimane all'interno ci infastidisce ci imputridisce, bisogna scegliere di esprimere ciò che non va e non essere vittime degli eventi.
POMFO (puntura d'insetto, allergia alimentare ecc..): Causa esterna che procura un fastidio che dobbiamo in qualche modo evacuare.
DERMATITE: Aggressione proveniente dall'esterno che crea una reazione di di difesa.Con la pelle poco attraente ci riesce più facile stare lontani dagli altri.
CHELOIDE (cicatrice molto visibile): Abbiamo difficoltà a "cicatrizzare" delle ferite dell'anima, abbiamo bisogno di rendere evidente il nostro trauma le nostre ferite interne.
PRURITO-ORTICARIA: Bisogno di espressione che bussa alla porta ricordandocelo col fastidio del prurito.
HERPES SIMPLEX: Siamo rimasti indeboliti da una prima battaglia, maggior fragilità, collera, eccesso di energia negativa.  Sulla bocca significa che abbiamo detto qualcosa di avventato o troppo carico di rabbia che ci ha bruciato.
HERPES ZOSTER: la persona deve imparare fondamentalmente una lezione, allentare la presa, prendere le distanze, deve smettere di controllarsi, di reprimere la collera, il rancore o rimuginare le disillusioni e le delusioni.
Deve passare ad altro, e chiedersi se il vissuto implichi qualcos'altro che fatichi a vedere o riconoscere (herpes oftalmico), se si ripercuote sulla sua identità o immagine(herpes del volto) oppure se quanto sperimenta nella sua quotidianità personale o professionale le impedisca di vivere o la limiti(herpes intercostale)
MICOSI: Significa che siamo parassitati da una situazione o da qualcuno e non riusciamo a difenderci dall'approfittatore che ci risucchia le energie.
MUGHETTO-CANDIDOSI ORALE: I parassiti ci impediscono di esprimerci sia i senso letterale che figurato.
INTERTRIGINE (micosi localizzata sulle pieghe cutanee di flessione): Indicano che abbiamo difficoltà nella flessibilità nei confronti della vita
PSORIASI: Difficoltà a piegarsi ed accettare quanto accade, bisogna ammorbidire il rapporto col mondo esterno. Si cela la difficoltà di avere rapporti con gli altri e soprattutto di tenerezza con la madre, quindi si tende a irrigidire il rapporto con tutto ciò che è esterno. La madre in questi casi ha difficoltà ad esprimere tenerezza nei confronti dei figli per non perdere la propria identità di donna (potrebbe avere anche lei la psoriasi)*
VERRUCA: Indurimento, irrigidimento delle memorie emotive, ci parlano di ciò che si è fossilizzato in noi a seconda della localizzazione mani =azione, piedi=rapporto con gli altri, viso=identità.
VITILIGINE: Ci parla dell'idea negativa che abbiamo di noi stessi generata dall'esterno a causa di un rifiuto, abbandono ecc..e si genera un rifiuto di sè dovuto al vissuto. Non si ha una buona immagine di sè, non ci si dà diritto alla felicità o al successo, come un mettersi i bastoni tra le ruote da soli, non ci si sente in diritto neanche della luce del sole.
Fonte "Dimmi dove ti fa male Glossario Psico-energetico" di Michel Odoul

Aggiungo che a seconda dell'ubicazione del problema si avranno interpretazioni ancora più dettagliate:
Volto = identità, immagine, metterci la faccia
Bocca = espressione vocale o figurata
Arti superiori = azione verso gli altri o sè stessi Struttura Ossea Superiore e Psicosomatica
Arti inferiori = relazione con gli altri o con sè stessi Struttura Ossea Inferiore e Psicosomatica
Destra o sinistra = relazione con madre o padre Lateralità Destra e Sinistra e Rapporto con i Genitori

*Nei miei due anni in Gran Bretagna ho notato che sempre più giovani hanno problemi di psoriasi in parte per il fatto che vi sia poco sole che fa molto bene a questa problematica cutanea perchè anche psicologicamente esso rappresenta una figura genitoriale che permette la vita, in parte perchè le mamme hanno davvero grandi difficoltà ad essere tenere con la prole proprio per il fatto che essendo di mentalità diversa dalla nostra non voglio perdere la loro identità di donna dopo la maternità, così vi sono tantissimi adolescenti con il medesimo problema cutaneo che ormai è diventato quasi una normalità.
Ho in oltre riscontrato che sempre nei paesi "freddi" in senso di rapporti con gli altri i problemi della pelle si fanno molto più frequenti che nei paesi in cui i rapporti con gli altri e soprattutto con i genitori sono più "caldi", ho visto persone con pelli davvero devastate e patologie che neanche conosco mai viste in italia o comunque rare.

1 commento:

  1. Buongiorno, ho la psoriasi da 6 anni, e non ho potuto di trovare qualcosa che veramente mi aiuterà. Pomate con catrame solo peggioravano la mia condizione. Ho letto tanta informazione sul marchio PsoEasy, qui il link https://www.psoeasy.com/it/
    Dicono che sono molto buoni e veramente senza chimici, chi ha provato?

    RispondiElimina

Google+