Follow by Email

sabato 19 ottobre 2013

Percorso spirituale con i fiori di Bach


Leggendo il mio primo libro sulla conoscenza dei fiori di Bach, (circa tre anni fa o più), mi resi conto che oltre al loro fantastico potere guaritore sia a livello fisico che psicologico, essi hanno un percorso spirituale nelle loro caratteristiche.
In un periodo in cui si acquista il proprio Centro e si è in equilibrio, si può iniziare a sperimentare uno ad uno questi meravigliosi rimedi per l'anima.
Se si sta seguendo già una terapia o non ci si sente "in asse" meglio assumere la propria miscela personalizzata che man mano ci porterà a liberarci degli "ostacoli" che ci impediscono di raggiungere la consapevolezza di noi stessi ossia il nostro Sé.
Ho pensato anche che se in fondo ogni rimedio è una caratteristica dell'anima umana, tutti quei fiori affini andranno solo ad aggiungere energia positiva alle caratteristiche che già si hanno, mentre gli altri non incideranno mai negativamente ma magari ci metteranno in contatto con caratteristiche inconsce o archetipiche che non pensavamo di avere, scoprendo ancora più noi stessi.
E in fin dei conti anche Jung sosteneva che nessuno conosce fino in fondo se stesso sin quando non si scava nella profondità  del proprio inconscio, fin quando non si accettano anche caratteristiche che non si conoscevano di noi, fin tanto non si impara ad ascoltare la parte più profonda di noi.
Per capire come agiscono i fiori di Bach leggi anche questo post: Fiori di Bach
Riporto qui le parole del libro più significative ai fini di rendere comprensibile il mio intento di iniziare questo esperimento su me stessa.
Aggiungo che ogni libro che ho letto di Kramer, Orozco, e manuali pratici per l'assunzione e l'utilizzo dei fiori è stato scritto da persone che hanno sperimentato su se stessi i vari effetti di tutte le 38 essenze ma ovviamente incentrando l'esperienza al dare un contributo del potere curativo dei rimedi.
"....Il compito dunque del terapeuta è incoraggiare l'individualità di ognuno, poiché ogni essere è unico." Eduard Bach
Bach, come George Groddek e Carl Gustav Jung, è stata una di quelle persone speciali e carismatiche, anime antiche ed evolute, che hanno gettato un ponte tra l'Oriente e l'Occidente, tra la logica razionale della filosofia occidentale ed il pensiero intuitivo ed analogico dell'Oriente, tra la scienza e la spiritualità, dovuti  anche ad un superiore equilibrio e scambio tra emsferi cerebrali, che caratterizza le personalità geniali.
"Ciascuna delle erbe corrisponde ad una delle qualità e il suo scopo è fortificare quella qualità in modo che la personalità possa superare quel difetto che è l'ostacolo particolare".
Con lo studio approfondito, con la pratica e soprattutto con la meditazione sul valore simbolico, spirituale ed energetico di ogni singolo rimedio o su quei rimedi di cui si sente di aver bisogno, consigliata la meditazione con l'ampollina in mano o in un taschino vicino al plesso cardiaco dopo averne assunto poche gocce pure;
vi accorgerete che nelle varie possibilità di combinazione o di ordinamento dei rimedi, si cela un percorso di iniziazione spirituale in tutte le sue numerose e complesse tappe.
Percorso che è, già di per sé, completo nella disposizione naturale dei 38 rimedi floreali... in modo da formare una mappa evolutiva personale  che segua il tracciato da compiere e le zone ombra su cui lavorare, le lacune spirituali e karmiche, le parti irrisolte e coatte di ognuno di noi, freni dell'evoluzione e prove del percorso esistenziale in questa vita, da comprendere, risolvere e integrare per andare oltre.
Qualcuno asserisce che Eduard Bach...abbia ordinato e classificato i rimedi appunto come percorso spirituale- esoterico... Un sistema quindi, che a vari livelli  di lettura e comprensione, arriva a tutti e da tutti è accessibile e sperimentabile.
Per dare un tocco di energia in più al percorso spirituale il metodo della lunarizzazione mi sembra più che indicato.
Metodo Lunare:
Consiste nella preparazione dei rimedi sotto il potente influsso del plenilunio e i cicli di cura che seguono la fase lunare nei suoi 28 giorni.
Si lascia la boccetta alla luce della Luna e si ritira dopo i primi raggi di sole in modo da lunarizzare e solarizzare il rimedio.
Mentre per dare un tocco di misticismo proporrei l'assunzione tramite la risonanza vibrazionale o terapia  a distanza (che ho sperimentato io stessa per un rimedio), arricchendolo della meditazione iniziale e l'assunzione di alcune gocce prima di iniziarla, il giorno del plenilunio e prima di iniziare il ciclo dei 28 giorni.
Una volta eseguita la meditazione iniziale, si posiziona la boccetta su un foglio su cui si scrive il proprio nome e cognome e lo si lascia per la durata del ciclo della Luna.
In questa foto possiamo vedere uno schema esplicativo per capire come agisce l'essenza e a quale livello vibrazionale

Ora andrò ad elencare solo le caratteristiche spirituali dei fiori:
AGRIMONY: Fiore della Ricerca Interiore 
Nel cammino spirituale ci porta all'accettazione delle circostanze ed alla conoscenza dell'ombra, instaurando in noi quel senso profondo di pace e benessere che preludono l'evoluzione spirituale.
(Smaschera le problematiche interiori)
ASPEN: Fiore della Sensitività
Nel cammino spirituale ci libera un grandissimo potenziale positivo e ci dà coraggio di camminare nel buio e attraversare l'ignoto aprendoci le porte dell'evoluzione interiore.
BEECH: Fiore della Benedizione e della Tolleranza
A livello spirituale farà emergere la capacità di discernimento necessaria per saper distinguere positivamente le cose, le persone e gli avvenimenti e la capacità di accettare l'esistenza di sistemi di valori diversi dai nostri.
(Il primo passo per amare noi stessi e gli altri)
CENTAURY: Fiore dell'Indipendenza e del Libero Valore
 Nello sviluppo spirituale dona al nostro essere interiore la forza necessaria per vivere a fondo e pienamente il valore della nostra unica e particolare individualità, la sola istanza da servire e da coltivare.
Ci dona inoltre, lo stimolo del distacco dall'esterno per far affiorare soltanto da noi stessi, un intimo contatto con la nostra interiorità, la voce del nostro interno più profondo e genuino, la voce del Dharma e il senso del nostro personale destino e missione, nonché rafforza la nostra volontà nel perseguirli e nel realizzarli dentro di noi e nella vita.
CERATO: Fiore della Guida Interiore
E' il fiore dell'intuizione, di quella magica e sommessa voce che, quando vuole, ci rivela i misteri dell'Universo e della Creazione(a volte bastano poche gocce per venire a capo di un dilemma che ci tormenta) è soprattutto il fiore del Maestro interiore, l'unica e riconosciuta giuda spirituale nella sua missione terrena. Esso ci insegna il segreto gnostico, esoterico e spirituale per attingere soltanto alla nostra fonte interiore e individuare, dentro di noi la nostra guida personale (o angelo custode).
E' il fiore per eccellenza il fiore della connessione con il Sé profondo.
CHERRY PLUM: Fiore del Dominio di Sè 
Sul piano spirituale lavora sulla forza e sul coraggio, sul dominio interiore e sulla spontaneità. Lavora sull'accettazione dell'istintività e sulla capacità di affrontare l'ombra e l'inconscio.
CHESTNUT BUD: Fiore della Conoscenza e della Consapevolezza
Fiore dell'apprendimento, porta alla chiarezza, alla perspicacia, alla prontezza mentale ed alla vigilanza ci fa crescere spiritualmente apprendendo e facendo tesoro interiore sia dei nostri errori che delle esperienze in genere, segreto dell'evoluzione e dell'ascesa a livelli superiori, dove la conoscenza diventa consapevolezza ed il sapere lascia il posto alla saggezza.
CHICORY: Fiore della Libertà Interiore
Vedere il mondo e gli altri come grandiose manifestazioni del Dio nascosto dentro di noi, amando il tutto senza nulla voler possedere, con la consapevolezza che un fiore strappato dal suo stelo è morto e la sua bellezza avvizzirà, questo fiore è il retaggio spirituale al di là di quello materiale, del vile avere, del possedere per essere.
CLEMATIS: Fiore della Creazione 
Spiritualmente ci aiuta a non fuggire nella fantasia di fronte al nostro compito divino e a realizzare il piano dharmico previsto per noi.
CRAB APPLE: Fiore della Purezza
Spiritualmente ci riporta al senso  della purezza e ci pulisce e libera i canali energetici, ci aiuta nella disintossicazione mentale dal conosciuto e dai condizionamenti che frenano il nostro cammino interiore, ma soprattutto ci libera dall'idea di essere sporchi e inadeguati a livello spirituale e morale connettendoci con la pura, incontaminata ed inalienabile Luce che brilla in ognuno di noi: ci rende liberi di essere e di fare, così come siamo e come agiamo, con la consapevolezza che nulla, sia esso essere, pensiero o azione, può offuscare o contaminare quella Luce.
ELM: Fiore della Libera Responsabilità
Nel cammino spirituale ci dona il coraggio di andare avanti con la consapevolezza di essere capaci di sostenere il tutto e che ogni cosa è possibile quando la si vuole veramente ed è in sintonia con il nostro Dharma; inoltre, ci riporta alla fiducia nel nostro potere interiore personale e nella forza divina e misteriosa che ci sorregge e ci guida nel sentiero interiore.
GENTIAN: Fiore della Fede 
Nel percorso spirituale sostiene e rafforza il senso personale della fiducia e della fede quando la notte oscura dello spirito si avvicina alla nostra anima; a questo fiore spetta un posto di spicco e di nobile rilievo solo perché lavora sulla fede e sul suo consolidamento, quella fede che è dono e potere divino, che è virtù e quella superiore e spirituale e senza la quale l'umanità e la vita non avrebbe la spinta all'evoluzione ma si consumerebbero implodendo in se stesse.
GORSE: Fiore della Speranza 
A livello spirituale ci riporta alla forza alla speranza, seconda virtù, dopo la fede, per la realizzazione dell'uomo interiore, dell'Homo Spiritualis.
La speranza è la forza motrice della vita in senso assoluto, il volere, lo sperare, la proiezione di un effluvio energetico che da all'invisibile dimensione vibratoria sublima nel mondo materiale creando forma, senso e sostanza, realizzando l'idea archetipo concretizzando il profondo impulso creativo...realizzando magicamente o miracolosamente i nostri desideri profondi.
HEATHER: Fiore della Carità
Rimedio per l'uscita dall'egoismo e dall'abisso del solipsismo, combatte la logorrea e nel cammino spirituale sblocca l'evoluzione e aiuta a destrutturare il superego, il mostro con mille teste di ogni ricercatore spirituale.
HOLLY: Fiore dell'Amore
Indispensabile sia nel percorso spirituale che esistenziale, umano sociale, perché l'amore è la chiave e il segreto della vita, mentre l'odio e la mancanza d'amore ne costituiscono l'antitesi, la negazione.
Riporta all'amore incondizionato, lavora sull'apertura del cuore e sull'energia d'amore.
HONEYSUCKLE: Fiore del Carpe Diem
Nel cammino spirituale è essenziale rompere i legami karmici con il passato, la nostalgia e l'attaccamento al passato rappresentano l'antitesi dell'evoluzione. Ci aiuta ad integrare il passato come una parte di noi nel presente e non una pesante zavorra ancora insoluta.
HORNBEAM: Fiore della Mente Viva  
Nel cammino interiore ci dona la forza e l'energia mentali per superare brillantemente le prove e per alimentare la crescente consapevolezza spirituale, perché un'anima in evoluzione sulla terra comporta sempre una crescita ed espansione di un sistema nervoso, suo involucro nella materia, scrigno tangibile di un'anima segreta e protetta.
IMPATIENT: Fiore della Pazienza e della Calma Interiore
Rallentando la mente si presta notevolmente nel percorso spirituale (ottimo nella meditazione), dove ci favorisce la consapevolezza riportandoci ad un alto livello di calma, concentrazione ed osservazione, inoltre lavora profondamente sulla virtù positiva della pazienza, altra potente arma nel cammino spirituale.
LARCH: Fiore del Potere Personale  
Ci rafforza e ci riconnette all'energia del 3° chakra: il nostro potere personale, senza il quale la nostra evoluzione non può decollare e la nostra anima non è protetta dagli attacchi energetici esterni ed interni. Se no crediamo in noi, nella nostra forza interiore e nel potere divino che tutti noi possediamo, non avremo mai la forza di trovare il nostro Centro, di essere e progredire.  
MIMULUS: Fiore del Coraggio
Ci aiuta ad essere profondamente e unicamente noi stessi senza essere condizionati dalle paure, ci riconnette a quella solitudine positiva che ci permette di scendere dentro di noi e contattare la nostra Luce e tutta la nostra ombra.
MUSTARD: Fiore della Felicità
Spiritualmente trasforma la stagnazione della depressione in energia evolutiva, ci riconnette con la nostra capacità di accettare il buio interiore e la tetraggine dell'anima donandoci, al contempo, un flusso energetico e vitale, una spinta di luminosa felicità ci permetterà di emergere dal cupo abisso e affermare alla luce del sole il nostro essere nel mondo e la nostra divina identità.
OAK: Fiore della Perseveranza
Ci può aiutare per il rilassamento, il riposo o la meditazione; può essere considerato il rimedio per il risparmio energetico.
OLIVE: Fiore della Forza Vitale 
Nel cammino spirituale è la parola d'ordine della forza interiore e dell'energia vitale, quel flusso di vitalità che ci rende  solari forti e luminosi e che ci sostiene ci nutre e ci energizza durante il cammino di vita e Spirito: ci riconnette alla consapevolezza della Fonte di energia interiore, inesauribile e divina che si trova solo dentro di noi. Ci illumina sulla verità spirituale nel trovare il divino all'interno di noi e non all'esterno.
PINE: Fiore della Liberazione
La liberazione a livello profondo, a tutti i livelli, dal complesso primordiale della colpa e dalle sue implicazioni nella nostra vita e nella nostra crescita spirituale è il primo passo del cammino verso la libertà interiore, l'iniziazione dell'anima ai misteri della vita.
La battaglia interiore di ognuno di noi con i suoi dolori e contro le proprie colpe.
Necessario nel cammino spirituale per liberazione spirituale e per un'evoluzione senza la macchia di Caino e  il peso della colpa Karmica.
RED CHESTNUT: Fiore del Distacco
Nel percorso spirituale ci insegna a concentrarsi su e dentro se stessi, ottenendo il dovuto distacco dalle cose e soprattutto dagli altri, legge fondamentale   dell'evoluzione personale.
Le preoccupazioni per gli altri creano  pensieri forma negativi che danneggiano e ostacolano il cammino di chi ci sta a cuore; mentre gli avvenimenti e gli accadimenti degli altri, positivi, neutri o negativi che siano, sono il frutto della loro propria evoluzione, a volte la prova da superare, a volte il conto con gli interessi del proprio Karma e del proprio Dharma.
ROCK ROSE: Fiore della Tranquillità
La liberazione dalla paura, il superamento del terrore, la conquista interiore del calice del coraggio sono le prime prove iniziatiche dello Spirituale che vuole mettersi in cammino verso la propria realizzazione interiore. Si dice che il male nulla può contro chi non prova paura. Tra l'altro il contrari di amore nella spiritualità è proprio la paura.
ROCK WATER: Acqua dell'Elasticità
Da sempre l'acqua è sinonimo di fluidità, di spiritualità, del lato sinistro, femminile e nascosto delle cose, Yin per gli orientali, dove anche la luna gioca un suo importante significato, vista come signora della femminilità e delle acque; acqua e luna la Signora Bianca e la sorgente, un'analogia antica come l'uomo. Vedi anche L'Acqua
SCLERANTHUS: Fiore dell'Equilibrio e dell'Armonia interiore
A livello spirituale ci fa prendere contatto con la vera voce interiore rischiarandoci il cammino spirituale grazie alle virtù che ci porta a sviluppare, come l'equilibrio, la prontezza, la sicurezza di decisione e la padronanza di sé.
STAR OF BETHLEHEM: Fiore del Conforto
Può spingerci veramente molto in profondità nello spazio dentro di noi ma anche nel tempo, addirittura fino allo shock della nascita e addirittura nei blocchi karmici che la nostra anima si trascina dietro da vite immemorabili.
SWEET CHESTNUT: Fiore della Pace interiore
Il buio dell'anima va affrontato, elaborato e superato; la disperazione e l'angoscia non sono altro che tetri fantasmi della mente, trappole esistenziali delle vostre nevrosi, macchie nere dell'anima che lo Spirito della Pace spazza via con una potente emanazione di Luce.
VERVAIN: Fiore della Grazia
Ci aiuta a trovare il rilassamento e il calmo e silenzioso centro di noi stessi, ci stimola la consapevolezza della nostra energia e ci insegna  come lavorarla e distribuirla per non bruciarla nelle vane e passeggere passioni, negli incendi travolgenti ed improvvisi che lasciano solo terra bruciata.
VINE: Fiore del Condottiero
Ci riporta a quel senso della fratellanza universale e della giustizia e parità tra gli uomini che, come tutti i maestri spirituali ci hanno insegnato, è la base di partenza per lo sviluppo dell'evoluzione personale; inoltre ci insegna il Servizio Divino, quel senso del servire che apre le porte del cuore e ci porta in intimità con lo Spirito Superiore.
WALNUT: Fiore della Protezione e della Metamorfosi
Questo fiore è fondamentale nel percorso spirituale perché facilità il passaggio da un periodo all'altro e perché protegge dalle influenze negative
WATER VIOLET: Fiore dell'Umiltà
Nel cammino spirituale ci permette di lavorare sull'orgoglio arma strategica dell'eco per bloccare l'evoluzione, inoltre ci aiuta a sostenere la nostra individualità e la nostra dignità in modo armonico, dolce e distaccato, promuove l'irradiarsi della grazia in noi e da noi, ci svela il segreto dell'umiltà nel cercare il contatto e la comunicazione con gli altri pellegrini dello Spirito in cammino su questa terra.
WHITE CHESTNUT: Fiore del Dominio Mentale
Spiritualmente ci aiuta a ritrovare la serenità e la capacità di dirigere il pensiero, ma soprattutto ci aiuta a ritrovare quella pace interiore di cui abbiamo bisogno per scendere dentro di noi ed attingere dall'Eterna Fonte di Luce.
WILD OAT: Fiore dell'Evoluzione
Ci connette con la nostra vera voce interiore e ci illumina sul senso e la direzione del nostro destino, ci aiuta a distinguere le nostre potenzialità, ad attivarle al massimo e ad esprimerle, ad illuminare il cammino di vita e prendere coscienza del proprio Dharma, l'uscita dalla nebbia esistenziale.
WILLOW: Fiore del Perdono e dell'Accettazione
Ci libera dal pesante e frenante peso del risentimento karmico, dalla zavorra dell'amarezza che blocca l'evoluzione e ci lascia impantanati nel codardo cercare all'esterno la colpa delle nostre sofferenze, nell'impossibilità di elaborare il nostro senso del vittimismo: portandoci delicatamente verso la presa di coscienza della nostra verità e l'accettazione gioiosa di tutto ciò che accade.
Fonte: "Iniziazione alla guarigione esoterica" Edizioni Mediterranee di O. Sponzilli e A. Luciani

Si possono abbinare anche dei cristalli o degli oli essenziali ad ogni fiore di Bach: questa foto è estrapolata dal libro di Kramer "Nuove terapie esoteriche" Vol 1 "Nuove terapie con oli essenziali e i cristalli in combinazione con le essenze di Bach"
Buon Percorso....

4 commenti:

  1. grazie trovo stupenda la lettura spirituale dei fiori! ♥

    RispondiElimina
  2. Grazie a te! Spero possa essere utile a tutte quelle anime in divenire :)

    RispondiElimina
  3. Giovanni :)
    Io lo sto facendo e è davvero molto bello... poi a breve farò dei post (ogni tre fiori)

    RispondiElimina

Google+