Follow by Email

martedì 24 gennaio 2017

La "Fiducia originale"



Fiducia e tradimento non costituivano un problema per Adamo, quando passeggiava in compagnia di Dio al crepuscolo.
L'immagine del giardino come inizio della condizione umana esemplifica quella che si potrebbe chiamare "fiducia originale", o la "fede animale".
La credenza basilare -nonostante la preoccupazione, la paura, il dubbio- che la terra sotto i piedi è solida e reggerà anche il nostro prossimo passo, che il sole sorgerà anche domani e il cielo non ci  crollerà sulla testa e che il mondo è stato creato da Dio per l'uomo.
Questa situazione di fiducia originale, espressa nell'immagine archetipica dell'Eden, si riproduce nella vita individuale di ciascun bambino e genitore.
Come nel principio Adamo si fida di Dio, così il ragazzino nel principio si fida di suo padre.
Per entrambi Dio e Papà incarnano l'imago paterna: affidabile, salda, stabile, giusta...
L' immagine paterna può anche essere espressa con il concetto di Logos, l'immutabile  potenza e sacralità della parola maschile.
Ma non siamo più dell'Eden.
Eva ha posto fine a quella nuda dignità.
Benché non si sia più in quel Giardino, ci possiamo ritornare attraverso l'esperienza dei rapporti di intimità, per esempio l'amore, l'amicizia.... nei quali viene ricostruita una situazione di fiducia originale.
Tale situazione è stata denominata témenos, recinto sacro..simbiosi madre-figlio... è il luogo dove si ritrova la sicurezza dell'Eden.
È una sicurezza maschile, data dal  logos attraverso la  promessa, il patto, la parola.
Non è una fiducia fatta di seni, latte, e calore della pelle; è simile a quella ma anche diversa; ....non è sempre obbligatorio andare dalla mamma per trovare i nostri modelli delle strutture fondamentali della vita umana.
In questa sicurezza fondata non sulla carne ma sulla parola, è stata ricostruita la fiducia originale.... Adamo è il primo uomo che tutti ci portiamo dentro.
Il bisogno di sicurezza come zona protetta in cui poter mettere a nudo il nostro mondo originario, in cui poterci esporre all'altro senza rimanere distrutti.
Il bisogno di sicurezza può riflettere il bisogno di cure materne, ma nel contesto paterno all'interno del quale ci stiamo muovendo esso è bisogno di intimità con Dio, come sapeva Adamo.
Ciò a cui aneliamo è una situazione in cui essere protetti dalla nostra stessa tendenza al tradimento, dalla nostra ambivalenza, dalla nostra stessa Eva.
Il mondo originale non solo è il mondo prima del male, è il mondo prima di Eva.
L'essere una cosa sola con Dio nella fiducia originale ci protegge dalla nostra stessa ambivalenza.
Tratto da "Puer Aeternus" di James Hillman

Nessun commento:

Posta un commento

Google+