Follow by Email

lunedì 19 gennaio 2015

...Quanto sapere perduto...


Mi sono costantemente domandata se la storia ufficiale fosse attendibile o no... completa o no, ...totalmente veritiera o no..
Se pensiamo ai nostri libri di storia le informazioni fondamentali che creano la continuità del passato sono basate per lo più su avvenimenti bellici;
Per quanto lo spirito guerriero sia atavico in ognuno di noi, e forse è per questo che il nostro passato è stato suddiviso principalmente con le varie prese di potere e conquiste di territorio, penso che tantissime altre informazioni del passato, anche molto rilevanti e non di carattere bellico siano andate perdute a causa proprio di quest'ultimo...
Le nostre vere origini, le nostre totali e reali capacità, formule, scoperte, ecc... Chissà quante informazioni perdute ogni volta che un popolo noncurante della cultura assediava una città, regione, luogo...
Quanta saggezza andata persa, arsa o distrutta dalla bramosia e dall'ignoranza o peggio ancora dall'intenzione oscurantista di chi sapeva ma non voleva tenere alla portata di tutti verità preziose...
Qui di seguito alcune delle catastrofiche perdite di preziosi tesori intellettuali che sono avvenute nella storia conosciuta...
Nell'AniMo Antico

Nel 48 a.C. i soldati di Giulio Cesare incendiarono la Biblioteca di Alessandria.
Essa doveva contenere 700.000 volumi.
Su di essa infierirono in seguito gli imperatori Caracalla e Aureliano, che nel 270 ne fece demolire buona parte, un patriarca cristiano, Teofilo nel 391 appiccò  un incendio nel vicino Serapeum.
Nel 416 d.C. Orosio trovò la biblioteca già spoglia di libri.
Il colpo di grazia giunse per mano mussulmana: nel 641 d.C. il califfo Omar ordinò che gli ultimi volumi rimasti fosse dati alle fiamme perché bastava il Corano.
Esistevano numerosi altri luoghi simili, andati distrutti nel corso della storia per via dell'ignoranza umana
Solo i dotti, i sacerdoti, i filosofi e gli studiosi consideravano questi come luoghi sacri.
Nel Ramesseum presso Tebe vi era una biblioteca consacrata a Thot, circa 2000 anni prima di Cristo e anche a Tell Amarna ve ne sarebbe stata una fortissima.
Le preziose raccolte egizie andarono perdute in seguito alla dominazione assira, persiana e macedone.
Un'altra importante biblioteca era quella di Pergamo, fonda da re Attalo I (241-197 a.C.). Quando Marcantonio ne fece dono a Cleopatra, 200.000 volumi ne riempivano gli scaffali.
La biblioteca fondata da Sant'Agostino a Ippona venne saccheggiata dai Vandali nel 430 d.C.
Nel 212 a.C. l'imperatore Chin Shin Hunag Ti, ordinò la distruzione di testi relativi all'antica Cina, comprese importanti opere di Confucio e Mencio.
Nel 54 d.C. a Efeso, San. Paolo fece gettare tra le fiamme tutti i libri e documenti contenenti "notizie curiose".
Negli anni 296-303 d.C., poco prima dell'editto di Costantino(313), Diocleziano fece distruggere tutte le biblioteche cristiane, compresa quella di Cesarea contenente 20.000 volumi, tra i quali antichi manoscritti greci ed egizi.
Nel 395 Costantino fondò una biblioteca con più di 10.000 manoscritti, andò distrutta nel 727 d.C. per volere dell'imperatore bizantino Leone II Isaurico.
Venne ricostruita nel X secolo d.C. ma venne incendiata nel 1453 dai turchi di Maometto II.
Nel VII secolo d.C. un gruppo di monaci irlandesi da alle fiamme le tradizioni e gli annali celtici, circa 10.000 testi.
Nel XIII secolo i Cattolici diedero alla fiamme i libri sacri dei catari ed altri testi considerati eretici.
Tale scempio verrà ripetuto almeno fino al XX secolo.
Nel 1926 distrutto il giacimento archeologico di Glozel, in Francia e poco più di dieci anni più tardi la biblioteca preistorica di Lussac-les-Chateaux.

Tratto da "Dei del Cielo e Dei della Terra" di Giorgio Pastore 

2 commenti:

  1. apposta per questo mi piacerebbe approfondire e ripassare i vari periodi storici durante questo ultimo anno di scuola...dopo sarà sempre più difficile trovare la voglia e il tempo!

    RispondiElimina
  2. Sai, io ho trovato molto più tempo per dedicarmi alla lettura dopo la scuola, e molte informazioni non le troverai tra i libri che siamo abituati a studiare.
    Ti consiglio: "Dei dei Cieli e Dei della Terra", "Alla ricerca della pietra filosofale" di Giorgio Pastore (laureato in storia)
    E "il mattino dei maghi" libri che parlano della storia rivista e "corretta" grazie a nuove scoperte documentate!

    RispondiElimina

Google+