Follow by Email

lunedì 10 novembre 2014

L'uovo cosmico e il raggiungimento superiore di coscienza


L'idea indù di tapas designa una concentrazione dell'energia psichica attraverso la meditazione, destinata a produrre un calore creativo paragonabile a quello trasmesso dall'uccello che cova le sue uova per farle schiudere, ci conduce naturalmente al motivo dell'uovo come atto creativo.
Ci è facile afferrare il significato psicologico dell'uovo poiché vi possiamo individuare agevolmente una rappresentazione della totalità preconscia.
È la totalità psichica concepita come quel che precedette l'apparizione della coscienza dell'Io o di ogni coscienza che separa.
Ritroviamo questa idea archetipica in filosofia, alla base del concetto aristotelico di entelechia, il germe in cui tutto è già racchiuso.
Questo concetto è illustrato con l'immagine della  ghianda in cui esiste potenzialmente l'intera quercia, o quella di qualsiasi seme, o ancora dell'uovo, che ha bisogno solo del calore per svilupparsi, poiché racchiude già in sé ogni potenzialità.
Troviamo l'uovo come immagine del Sé, ma del Sé non ancora realizzato, allo stato di germe, di potenzialità, di possibilità.
Anche la storta dell'alchimista è un uovo in cui si sviluppa un germe, dando origine al "pollo dei saggi", una delle numerose definizioni della pietra filosofale.
Ogniqualvolta l'immagine dell'uovo appare nei miti è associata all'idea di concentrazione, di meditazione, del "covare" attraverso il calore dello spirito, e a quella della nascita dell'intelligenza.
L'apparizione del tema dell'uovo non riflette dunque uno stato psicologico molto primitivo, poiché corrisponde già a una certa concentrazione dell'attenzione.
Nel senso più letterale del termine riflettere significa ripiegarsi su sé stessi e per riuscirci non basta deciderlo.
Nel linguaggio religioso di direbbe che diventare capaci di un'autentica riflessione su sé stessi sia un dono della Grazia.
Quando una riflessione è autentica, lo si capisce appena si guarda la persona negli occhi, poiché il suo sguardo è calmo, sereno, obiettivo, e desidera veramente scrutare dentro di sé e guardare le cose in faccia.
È un istante numinoso che nessuno può provocare. È un momento meraviglioso, in cui la persona si placa, diventa sincera e si ripiega veramente su sé stessa alla ricerca della verità psicologica per scoprire le vere difficoltà.
Questo momento di autentica riflessione, l'unico in cui sia possibile il progresso della coscienza, corrisponde alla nascita del sole dall'uovo.
Quando in un sogno appare un uovo, sapete che questo momento si sta avvicinando, che la nascita della coscienza, in quanto atto di riflessione su se stessi, è perlomeno possibile e si trova costellata.
Nell' I Ching l'esagramma 61, dichiara che l'immagine della verità intrinseca è quella di un uovo su cui è posata la zampa di un uccello, il che significa che l'uccello è sopra l'uovo per covarlo.
Quando un progetto della coscienza diventa possibile, il mondo intero è rinnovato.
Sappiamo che, ogniqualvolta un essere compie un progresso reale della coscienza e la sua evoluzione interiore gli fa compiere un balzo verso un livello di coscienza più elevato o più profondo, il mondo interiore cambia per lui.
I suoi rapporti non sono più gli stessi, poiché si è trasformata la visione che egli ha del mondo esterno e della propria situazione.
È una rinascita totale dell'universo.
Il motivo dell'uovo raffigura la costellazione di questa possibilità di rinnovamento prodotta dalla concentrazione dell'energia in un solo centro.
Vedi anche L'Uovo del mondo
Tratto da "I miti di creazione" di Marie-Louise von Franz


Nessun commento:

Posta un commento

Google+