Follow by Email

domenica 7 settembre 2014

Incomprensibile..

...Chissà se anche tu senti ciò che io sento...
Mi domando se riesci a percepire la connessione animica che si manifesta...
Mi domando come possa essere possibile compredere così profondamente un'anima ma essere così distante da un corpo...
Riesco a percepire anticipatamente la tua esistenza, le tue esperienze...ma razionalmente non riesco neanche a capire cosa accade in me...
Come posso spiegarti ciò che sento se neanche io lo comprendo davvero...?
Come posso parlarne a parole se alla mia mente umana rimane incomprensibile e inesplicabile?
Come può un'anima essere così dannatamente affine da tormentare un cervello?
Come posso spiegare a me stessa ciò che sento se non lo compredo neanch'io?
Mi domando solo se anche tu percepisci il legame animico...
Se ti poni le mie stesse domande..se qualche volta ti rispondi...
Se ti sei accorto del tuo specchio in cui sono riflessa io...
Se, anche te, non ti senti più solo quando c'è il confronto della nostra vita...
Se anche te mi comprendi nel profondo perché è il profondo che  ci fa comprendere reciprocamente...
Se anche te credi che ci sia un motivo a tutto questo... Oppure se credi sia pura pazzia...invenzione di una mente contorta che non vuole più sentirsi sola...
Se, anche te, senti finalmente la libertà di 'essere' quando ci si apre l'uno all'altro...
...E io credo che l'unico motivo per il quale due anime così sono distanti materialmente è la presenza inesorabile dell'ego..
...che mette mille barriere pur di non dover abbandonare il proprio stato sovrano nel mondo sensibile...
Perché sono i nostri specchi a farci più paura di qualsiasi altra cosa...a dare più fastidio di qualsiasi altro comportamento...
...Forse sbaglio...forse no...ma fin ora ciò che ho "sentito" è risultato sempre in antitesi ai ragionamenti razionali...spesso errati...
Solo se non penso razionalmente ti capisco davvero perché la tua percezione mi arriva dal profondo e non dal ragionato...
...ma viviamo nel mondo del materiale e del sensibile e fin tanto regnerà contraddizione tra ciò che deriva dall'anima e ciò che deriva dal ragionamento non vi sarà quiete per scorgere cosa c'è davvero nel fondo del fiume interiore...
...E il fiore di loto non potrà sbocciare...
Nell'AniMo Antico



5 commenti:

  1. Il legame di cui parli è fortissimo al punto che se lo vivi inconsapevole può schiacciarti. Ero adolescente quando accadde e impreparato...sapere ciò che lei sentiva nel profondo senza vederla. Forte, potente, sconvolgente. Trascende ogni forma di giudizio. Lei un mese fa col compagno ha generato la secondogenita Giulia. Me lo ha comunicato qualche giorno dopo ma io sapevo perché l'ho sentito (il parto è stato giorni prima del previsto)...un legame che perdura pur navigando su mari della vita distanti.
    E' un dono...ora lo so.
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente con gli anni ho acquisito conoscenza di questo nostro modo di sentire le persone.. a me non capita solo con questa persona, la mia è una prerogativa che mi porta a "sentire" anche altre persone connesse con me, ma anche chi non vorrei... Col tempo ho imparato a chiudere i canali di alcuni ed aprirne altri...
      Pian piano questo dono sono riuscita a controllarlo sempre più scremando le persone di cui sentire nettamente la vita... Con questa persona è sorprendente e glie l'ho detto!
      Mi è sembrato corretto per lui e per me stessa condividere questa cosa con chi né l'oggetto.

      Elimina
  2. Tra l'altro Anonimo, tu hai mai parlato alla persona che senti così tanto di questo tuo dono verso di lei? Se no, perché non l'hai fatto?
    So che spesso può essere deleterio, ma pur du essere sempre corretta non ho mai omesso questa cosa... Sai quanta gente si è allontanata spaventata da questo mio sentire la loro vita...tantissima e ho sofferto molto.. ora ho 35 e sono convinta che il nostro è un dono... Ma è un dono anche per chi lo subisce passivamente e non solo, chi apprezza e non si spaventa ha in sé il dono della sincerità, di un animo pulito, candido..
    Spero che la tua vita nonostante non abbia la persona che "senti" così fortemente, sia comunque felice... Ti auguro di poter sentire ancora qualcuno, e poter lasciare andare qualcosa che ti incatena senza via di uscita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda corretta la tua. Quando ho capito ho condiviso con lei questo mio dono. Dono che un po' mi accompagna con quasi tutte le persone con cui entro in contatto. Più che altro è una forma di empatia ma c'è questa forma di vicinanza nello spirito. Molte volte mi ha reso solo, incompreso e soprattutto spaventato.."come fai? Sei così..che ho paura di deluderti" nei migliori dei casi, respinto in molti altri.
      Credo però che questo elemento non possa prescindere dalla libertà della persona, soprattutto se la ami, sia amore di coppia o amicizia o condivisione di un incrocio di sentieri di vita. Ho sofferto tanto al punto di subire la paura di stare male. Solo ora che ho incontrato un gruppo di meditazione sto ricominciando a parlare alla mia paura e a uscire dal guscio. Grazie per il tuo augurio. Che la tua luce possa crescere dentro di te, per te e per l'intera Esistenza.
      A.

      Elimina
    2. Ti comprendo come forse mai ho compreso la vita di qualcuno, perché ho vissuto le tue stesse condizioni... Grazie per aver commentato il post e aver esposto se pur in anonimato un po' della tua vita!
      Con il cuore
      <3

      Elimina

Google+