Follow by Email

giovedì 14 novembre 2013

I Numeri del Destino


Il numero del Destino è un numero importantissimo nel percorso della nostra vita, possiamo cambiare nome ma questo fattore rimane il medesimo perché dato dalla data di nascita.
Alcuni numerologi ritengono che i numeri della Personalità e del Destino vengano scelti prima della nascita, in modo che in questa vita possiamo imparare  delle lezioni ben precise.
Mentre il numero della Personalità si esprime in modo chiaro, ed è riconoscibile nelle nostre pulsioni e interessi.
Ciò non accade con il numero del Destino perché l'ambiente della nostra infanzia può influire sull'espressione del nostro Cammino, quindi questo numero rappresenta la meta del viaggio della nostra esistenza e non è detto che ciò si compia dal principio della nostra vita ma imparando a seguire il sentiero del nostro Cammino personale.
Il numero del destino si ottiene sommando tutti i numeri della data di nascita fino a raggiungere un numero singolo da Uno a Nove eccezion fatta per Undici e Ventidue.
Il mese di Novembre che è l'undicesimo mese dell'anno contiene già in sé un significato particolare infatti le persone nate a novembre hanno insito in loro capacità mediatiche.

UNO: L'Uno è la spinta a primeggiare e a comandare in ogni occasione. È il numero dell'ego allo stato grezzo, tipico del bambino.
Il destino Uno fa sì che i desideri vengano soddisfatti e garantisce la sopravvivenza. I nostri progenitori seguirono il destino Uno quando si dedicarono alla caccia e lottarono per il miglior partner per l'accoppiamento. In questa battaglia la sola opzione era la vittoria, poiché perdere significava morte certa.
Storicamente, gli Uno si identificano con le orde di unni e goti che seguivano la legge della forza e distruggevano tutto e tutti sul loro cammino.
L'Uno è chiamato ad assumere il controllo della propria vita e a diventare forte e indipendente, a stare in piedi sulle proprie gambe. Il destino Uno è una palestra per lo sviluppo individuale.
Nella prima infanzia il suo Cammino viene spesso trascorso all'ombra  di eventi che investono la sua famiglia e fanno sì che il bambino sia spesso ignorato.
Otterrà l'attenzione diventano servizievole  e mettendo da parte se stesso.
Con l'età adulta, il destino Uno pone la persona davanti a situazioni che la costringono a uscire allo scoperto e prendere il proprio posto in prima fila.
Una volta compiuto questo passo, il destino Uno garantisce che le lezioni di responsabilità personale, autoaffermazione e fiducia portino con sé il successo e la leadership nel campo che la persona ha scelto.

DUE: Il Due incarna il desiderio di mediare e rasserenare; rappresenta la fase dell'infanzia in cui la stretta unione con la madre costituisce l'intero mondo del bambino.
I nostri progetti si sono evoluti lungo un Cammino esistenziale Due quando hanno cominciato a piantare il grano e a nutrire le piante fino al raccolto. La collaborazione sociale portò a maggiori risultati e la qualità della vita crebbe. I Due possono essere paragonati ai minoici, che veneravano la dea della maternità e della creatività.
Il destino Due porta a importanti esperienze nel campo della relazione.
Questo Cammino potrebbe indicare che il rapportarsi agli altri sia un dono innato, ma, per i Due si tratta del sottile confine fra unione e negazione di sé.
Equilibrio è la parola chiave del Cammino Due.
Il rapporto con la madre nella prima infanzia è molto potente e per il bambino è molto difficile spezzare questo legame che da origine al desiderio distorto del destino del Due di trovare l'anima gemella che lo ami come sua madre, ma la vita impedisce che ciò accade e anzi il Due si ritrova a fare da madre a tutti evitando così la relazione adulta. 
Verso l'età adulta il Due impara a non aspettarsi che il partner soddisfi tutti i suoi bisogni riconoscendo che deve rapportarsi da pari e assumersi le responsabilità delle sue azioni.
La vita insegna ai Due ad apprezzare la gioia della vita di coppia, ma anche ad avere la forza  di essere individui completi.

TRE: Il numero Tre fa si che la vita sia sempre interessante e il domani sia sempre un giorno migliore. È il Cammino dell'esplorazione e dell'apertura a nuove esperienze. È la fase della vita in cui il bambino impara a interagire con gli altri e a comunicare con i fratelli.
Il momento della storia dell'evoluzione della civiltà occidentale che incarna al meglio questo numero è la Grecia classica, con il suo amore per i dibattiti e la filosofia e lo straordinario sviluppo della filosofia.
La vibrazione del Tre apre il cuore, il corpo e l'anima alle esperienze positive e alle attività sociali impegnate almeno in teoria. In realtà chi si trova su questo Cammino stenta a credere che la vita possa essere bella. A chi ha il Tre nel proprio destino è assegnata una lezione lunga tutta una vita sulla fiducia nelle proprie opinioni.
Nella prima infanzia, si sentono inibiti a esplorare le loro capacità mentali. Hanno spesso genitori sprezzanti verso lo studio o limitati nelle conoscenze e nel percorso educativo, che arrivano per questo a scoraggiare qualunque tentativo dei figli verso il miglioramento. Per anni molti giovani ottengono risultati molto al di sotto delle loro potenzialità.
Spesso però la vita dà loro la possibilità di sviluppare la propria mente a prezzo dell'alienazione dalle persone care.
Più avanti dopo la scuola i Tre si gettano con fiducia e voracità nel mondo per imparare sul campo e fare esperienza di tutto ciò che la vita ha da offrire: viaggi, lettura, comunicazione.

QUATTRO: Il Cammino esistenziale Quattro costituisce una prova di valore in un contesto poco propizio. È il numero della terra e del legame con la materia. È il momento dell'infanzia in cui il bambino impara che la staccionata intorno a casa lo rinchiude e lo tiene lontano dagli altri, e nel quale viene insegnata la disciplina.
L'Impero Romano, con la sua lunga storia di colonizzazione e di impiego della forza per sottomettere il mondo intero, incarna questo Cammino esistenziale.
Densa e lenta è la vibrazione del destino Quattro tiene ben salde a terra le persone sotto la sua influenza. Costoro imparano presto che se vogliono qualcosa devono lavorare sodo per ottenerla. È anche così, potrebbero aspettare anni prima di ricevere una ricompensa per i propri sforzi.
Nell'infanzia la famiglia dei Quattro potrebbe trovarsi in difficoltà economiche e, mentre altri fratelli non risentono di questa situazione, i destini Quattro si sentiranno penalizzati.
La scarsità di ricchezza materiale si traduce in una sorta di povertà interiore. Questo Cammino esistenziale dà origine a un forte e costante desiderio di denaro (o materialità in generale) e sono convinti che accumulare ricchezza possa sistemare tutto e che i beni materiali siano la misura del valore di chi li possiede.
Nell'età adulta, il Quattro apprezzerà persone e cose in quanto tali, a prescindere dal loro valore materiale. Queste esperienze sviluppano una fiducia e un'autostima basate sulla realtà, e la persona scopre finalmente di poter essere felice con meno ricchezze materiali e maggiori contatti emotivi.

CINQUE: Il destino Cinque è la brama di libertà connaturata alla conoscenza. La fase dello sviluppo associata al Cinque è quella in cui il bambino comincia la scuola, e impara idee e concetti che non rispecchiano necessariamente quelli appresi in famiglia, da cui schemi si affranca attraverso l'istruzione.
La persona allarga la propria cerchia sociale al di là del ruolo nella società. 
Ogni momento storico caratterizzato dalla liberazione dalla schiavitù dei regimi oppressivi  risuona con il Cinque.
Chi percorre questo cammino Cinque è incoraggiato  a esplorare l'ignoto e lasciarsi alle spalle la sicurezza. Il Cinque sfida a espandere la comprensione e l'atteggiamento verso la vita attraverso l'uso dei cinque sensi.
Nei primi anni, i bambini con destino Cinque vengono spesso privati della libertà, e di solito hanno un genitore dispotico che dice loro cosa fare, pensare o dire. Quando si avventurano nel mondo, evitano le responsabilità e cercano situazioni che li tengano intrappolati.
Sono soliti biasimare le circostanze anziché ammettere la loro paura dell'ignoto. La vita tuttavia interviene per offrire loro l'opportunità di liberarsi.
Man mano che esplorano la propria libertà, i Cinque comprendono che essa potrebbe essere a disposizione di chiunque.
Imparano che si può essere liberi in molti modi e che quello di libertà è un concetto complesso. Dal momento che il loro compito è trasmettere ciò che apprendono, sviluppare buone capacità comunicative è utile a loro e a gli altri. Il dono del destino Cinque è la capacità di insegnare e diffondere le proprie idee.

SEI: Il destino Sei è quello che conduce all'espressione creativa dell'amore. E' associato alla fase dell'adolescenza in cui l'individuo comincia a concepire forti legami emotivi e cerca di esprimerli attraverso la musica e la poesia. Venera delle icone remote e vuole salvare il mondo. L'era dello sviluppo della civiltà associata al Sei è il Rinascimento, con i suoi artisti, i suoi cerimoniali di corte, i sonetti amorosi e le nozioni sulla libertà religiosa incentrata sull'amore per l'umanità invece chesu regole arcaiche.
La vibrazione del Sei va oltre l'attenzione per se stessi e si rivolge all'arena sociale. Il servizio è la chiave di questo Cammino esistenziale, e molti Sei si realizzano nella cura degli altri. Il Sei è anche i numero dell'arte e della creatività, così anche il servizio può diventare un'azione stupenda.
Anche a livello locale, i Sei sono spesso impegnati nel volontariato.
I bambini con destino Sei si prendono spesso cura di un parente malato o dei fratelli più piccoli. Sono tenuti in considerazione dalla famiglia per il ruolo di sostegno più che per il loro potenziale creativo.
I giovani Sei hanno talento artistico e sono fanatici della bellezza.
Da adulti capita che neghino le loro risorse interiori impegnandosi in incombenze domestiche e quotidiane e trascurando il proprio talento.
Il destino Sei richiede il raggiungimento di un equilibrio fra bello e funzionale. Da adulti, i Sei sono molto attraenti, e la vita chiede loro di capire se sono amati per la loro bellezza esteriore o per le loro qualità interiori.
 
SETTE: Il Cammino esistenziale Sette contesta l'assunto che la realtà materiale sia la sola esistente.
Gli ambiti più nascosti della vita sono disponibili al destino Sette, che ha bisogno di esprimere ciò che sa con parole che il resto del mondo possa trovare accettabili. Questa energia ha la qualità della vita intrauterina, quando il feto vive in una condizione  semi-paradisiaca priva dello stress e delle tensioni del mondo esterno. A questa vibrazione corrisponde la vita innocente di Adamo ed Eva nel giardino dell'Eden.
Il Cammino esistenziale Sette è un percorso nel paese delle meraviglie: il trucco sta tenere i piedi ben saldi a terra. I Sette hanno bisogno di credere in qualcosa a cui dedicare se stessi e il proprio tempo. Questo porta molti destini Sette a viaggiare in lungo e in largo, percorrendo il mondo pe turismo o studio, meglio seda soli. I destini Sette  hanno un intuito spiccato, nel quale devono imparare a credere.
I giovani Sette sono quelli che a scuola guardano fuori dalla finestra. Sentirsi ripetere che i sogni non li porteranno a nulla li ferisce e annienta il loro naturale  stupore davanti alla vita.
Spesso sentono l'esigenza di esprimersi con la poesia, il misticismo e la musica, sfaccettature di un anelito interiore.
Quando si affacciano all'adolescenza, i destini Sette cercano una causa da sposare, che sia una figura religiosa, un rapporto personale o una squadra sportiva.
L'energia dei Sette cerca di diffondere continuamente l'idea che non esiste un solo creato o filosofia che sia "vero". La persona influenzata dal destino Sette sa che ci sono molte verità e vari modi di esprimere la devozione.

OTTO: Il Cammino esistenziale Otto è fonte di profonde lotte, dietro alle quali sta la sensazione che le circostanze della vita debbano cambiare per sempre. La fase dello sviluppo personale che rispecchia questo Cammino è l'ingresso nell'età adulta e l'esperienza della crisi di identità che accompagnano questo passaggio. Le macchinazioni politiche che caratterizzano la Corte dei Medici nella Firenze del XV e XVI secolo riflettono molte qualità delle persone con destino Otto, in particolare tutte le manipolazioni e le lotte di potere che avvenivano dietro le quinte.
La vibrazione del destino è densa e lenta. Porta lezioni ed esperienze che esercitano una profonda influenza sulle vite delle persone. Gli Otto sono costretti continuamente a difendere se stessi e ciò in cui credono. I piccoli Otto hanno spesso genitori o insegnanti autoritari, o devono imparare molto presto a cavarsela da soli, perché potrebbero trovarsi ad affrontare   la dura realtà della vita prima degli altri bambini. Ciò che fa di loro degli adulti capaci di gestire i momenti di crisi e degli ottimi leader.
E' probabile che da adolescenti siano affascinati dal sesso, dalla morte e dalla psicologia del profondo, e cerchino risposte alle domande più complesse.
Chi percorre un Camino esistenziale Otto lavora sodo per superare quella che percepisce come una debolezza di fondo. La lezione che impara nel corso della vita è che non si può controllare tutto e ce a volte nella vita accadono cos inaspettate.

NOVE: La vibrazione del Nove contiene la forte sensazione che, in questa vita, si ripropongono degli aspetti delle vite precedenti, che vanno risolti e conclusi. Questo numero del destino comporta la necessità di una grande quantità di energia per raggiungere questo obbiettivo. Per fortuna, le persone col destino Nove sono dotate di entusiasmo e ardore sufficienti per darsi da fare per se stessi e per gli altri - per alleggerire i loro fardelli in attesa del nuovo inizio che inseguirà qualunque sviluppo il futuro vorrà portare con sé.
I destini Nove sono portati ad incoraggiare gli altri a fare dl loro meglio.
Questo Cammino esistenziale garantisce quasi sempre una qualche forma di celebrità. Per esempio molte persone dello show business sono destini Nove. Costoro fanno sempre rotta verso situazioni che li porteranno al centro della scena.
Da bambini, i piccoli Nove sono sempre quelli che si accorgono di un errore dell'insegnante, e lo fanno notare.
Le loro marachelle non passeranno inosservate e procureranno ripetute punizioni. Questo può creare insicurezza e la convinzione di non essere bravi come i loro compagni.
Tuttavia la loro ingenuità e il loro eterno ottimismo  raramente vengono offuscati del tutto, e i Nove si gettano con entusiasmo nella vita, pronti a cambiare il mondo.
Da adulti, credono che la vita sia un'evoluzione continua, che può essere trasformata dalle azioni.
Il loro Cammino esistenziale richiede coraggio e non ammette che si perdano di vista i propri valori.

UNDICI e VENTIDUE: Questi due destini vibrano di un'energia molto diversa dai precedenti. Sono rari specie i Ventidue, e capita che ci si allontana dai loro sentieri, dal momento che è facile ridurli, erroneamente a Due e a Quattro. Molte persone influenzate da questi destini poco frequentati preferiscono starsene in disparte e far finta di niente, mentre questi numeri richiedono proprio che ci si prenda la responsabilità del proprio destino.
Le loro vite rispecchiano la ricompensa per queste fatiche, sul piano finanziario o sociale.
Il destino Undici accende il desiderio di diffondere un messaggio spesso umanitario, volto a dissipare le tenebre dell'ignoranza.
Questo destino mette in luce le zone nascoste della vita come l'occulto e il misticismo.
Il destino Ventidue porta il desiderio di creare una solida struttura  o istituzione che realizzi un sogno.
Il desiderio, spesso materiale influenzato dal Quattro sfida il Ventidue a mettere il mondo materiale al suo posto, usando le proprie risorse per finanziare i sogni.
Fonte "I segreti della Numerologia" Dawne Kovan

Correlato con: Numerologia

2 commenti:

  1. cosa succede se in una coppia entrambi hanno l'11 come numero del destino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una coppia con due destini 11 è una coppia che se compie il proprio destino archetipico può camminare insieme in modo davvero magico....
      L'11 essendo un numero particolare non sempre viene compiuto a volte si compie il corrispondente meno impegnativo che è il 2...se siete entrambi 11 potete aiutarvi a vicenda a compiervi attraverso il 2 che è il destino della coppia archetipica

      Elimina

Google+