Follow by Email

giovedì 10 ottobre 2013

Momenti di solitudine...

Arrivano quei giorni in cui ti senti più vulnerabile e fragile di altri... sai di essere sempre forte e distaccata dagli "attacchi" dell'esterno ma poi arriva per tutti il momento in cui vorresti qualcuno che ti capisse nel profondo...
Ti rendi conto che il tuo "profondo" è incomprensibile per gli altri, non solo perché è tuo personale, ma anche perché è un po' più complesso, più introspettivo rispetto alla normale inclinazione dell'essere umano ad essere estroverso! 
Questo ti fa sentire davvero sola e non puoi biasimare chi non riesce a comprenderti, non puoi arrabbiarti se nessuno riesce a trovare la chiave per leggere il tuo interno...anche se al contrario tu lo sai fare con gli altri... ma questo è un dono/condanna che Dio ti ha donato....
La Vita ti dona ma poi ti chiede.... la vita mi sta donando delle sensazioni che tante persone non possono neanche immaginare, mi dona il privilegio di riuscire a gioire delle piccole cose... delle cose semplici, e in questa epoca è un dono prezioso... i valori sono oro... la sincerità vale più dei diamanti.... 
Ma ti rendi conto che c'è un prezzo da pagare a tutto ciò...
 Il prezzo da pagare è la sincerità con sé stessi, è la coerenza con sé stessi, è non scendere mai a compromessi, è la non superficialità... 
È per questo che ci sono questi momenti qui.... quei momenti in cui basterebbe solo un pizzico di sana superficialità per poter risolvere i tuoi inconvenienti ma ti rendi conto che non son cose per te e le lasci a chi le sa fare.... 
A tutti quelli che riescono ad avere mille facce a seconda delle occasioni, a tutti quelli che si adattano a tutto e a tutti perché non hanno una loro personalità e magari non riescono a vedere più in là del loro naso.... 
A volte invidio sta gente... ma solo a volte perché nella maggior parte della mia vita ho sempre pensato che mi fa un'enorme tristezza chi non riesce ad uscire dalla massa. 
La vita di chi si stacca dalla superficialità e sceglie sempre e comunque di essere se stesso, è come una corsa controcorrente in cui tutti ti vengono addosso e prendi un sacco di gomitate, spallate, spintoni che creano un forte attrito al proseguimento del tuo personale, individuale cammino della vita... 
Ma ogni volta che succede...anche con i lacrimoni agli occhi, te continui a testa alta e vai per la tua direzione...
Essere una pecora nera ha il suo prezzo ma  non potrei mai vivere altrimenti... 
Non mi sentirei me stessa....
Nell'Animo Antico

Nessun commento:

Posta un commento

Google+