Follow by Email

venerdì 14 giugno 2013

Gustavo Adolfo Rol


Egli era dotato di una spiritualità autentica, sincera, non esibita.

…la molla profonda che ha spinto il dott. Rol a spendere l’intera sua vita  a servizio del prossimo e sempre gratuitamente…

Dio è sempre stato presente in ogni istante della vita di Rol e i suoi esperimenti sono sempre stati finalizzati al servizio e per il bene del prossimo e mai fine a se stess.

Egli amava definirsi la “grondaia”, una forza di cui riteneva essere soltanto il canale.

Rol definisce “Spirito intelligente”, uno spirito posseduto da ciascuno di noi, ed è quel “quid” che compedia tutto quello che noi siamo e sa tutto del presente, passato e futuro, e rimane sulla terra anche dopo la morte a prova dell’esistenza e dell’inconsumabilità di Dio.

“Dio è ovunque, anche dentro di noi e noi siamo parte di Dio”

Cit dalla prefazione del libro”Io sono la grondaia” di Catterina Ferrari

 Raccolgo qui sotto le frasi che ho amato di più del libro “Io sono la grondaia” e consiglio di ascoltare il brano di Schubert ‘Serenade’ che mi piace associare a quest’uomo dall’anima delicata e malinconica a volte fragile e sconsolata… a volte sola nella sua unicità, ma forte e vitale per amore dell’Umanità.


Uno dei dipinti di Rol.

“Onde io possa dire quanto noi soffriamo perché vogliamo soffrire, e quanto gli altri soffrano per colpa nostra. Onde io possa gridare a tutti i miei fratelli che l’amore è per tutti e per tutti è la felicità.”

 “Se raccolgo l’espressione della luce e le melodie di tutto il creato, io mi sento allora, figlio di Dio e cammino felice.”

 “Noi siamo fatti di ragione e di sensi. Nella ragione si nutre l’anima e nasce l’amore; nei sensi la vita si spegne e l’amore perisce.
Il primo amore, che è quello vero perché sorge in un’età non ancora corrotta, quando il senso tace, è ignorato dall’uomo.”

 “L’anima che cos’è? Ciò che non vedi ma che senti: la cosa unica che il tuo essere possegga, inattaccabile ed indistruttibile: la forza di saper sorridere piangendo  e il conforto si saper piangere quando no puoi sorridere.
Tu scruti nel profondo delle coscienze altrui e cerchi la verità.”

 “Perché non cerchi in te stesso? Cerca in te stesso ed avrai la chiave dei più grandi enigmi; troverai la virtù sbocciare tra i vizi ed un raggio d’amore risorgere sempre tra le più squallide rovine….
Vedrai nascere le tue gioie dai tuoi più grandi dolori. Vedrai un raggio di luce entrare dappertutto, nella spelonca triste come nella valle piena di fiori.
Vedrai le ombre della sera già entrate nelle case dei ricchi, mentre le soffitte dei poveri saranno ancora piene di sole.”

 “La volontà ti pone in mano quest’arma e tu sappila adoperare. La lotta può essere lunga e difficile ma la spada con la quale combatti non si spezza neppure sul granitico blocco dell’impossibile.”

 “Non dimenticare che gli istinti e l’intelligenza hanno sede nel tuo cervello, mentre che l’anima tua, invece, risiede nell’infinito dove la perfezione esiste. Perché l’infinito è Dio.”

 “….Nel principio di ogni cosa ne già insita la fine della stessa, una fine che genera però altri principi, principi di altre fini?”

 “Chi se non l’uomo ha parlato dell’anima e, definendo la bellezza, ha osato sognare l’immortalità?”

 “Se esistono i “bilanci occulti del bene e del male” è perché alla base della vita, proprio in ragione di quella “caduta” v’è un’esistenza di vita continua, una sorta di “Rinnovamento” che favorisce l’Evoluzione dello Spirito ben oltre il ristagno della morte.”

 “Nessuna cosa perisce: tutte le cose si rinnovano ed attraverso svariati mutamenti di sembianza ritornano al primo aspetto. Presentire il futuro non è altro, per me, che gettare uno sguardo nel passato: il destino no  è altro che il fatale ritorno a fatti già avvenuti, anche se la vita per giungervi, è sovente, quasi sempre, diversa. Poiché la storia non è monotona ma le conclusioni della storia sono quasi tutte identiche.”

 “Non è vero che nella morte tutto tace.”

 “…i vostri occhi sono l’unica via giusta per giungere alla vostra anima.”

 “ Che cosa intendo io per liberazione definitiva dello spirito? Intendo l’Amore, l’Amore universale. Il connubio tra la forza e la debolezza.”

“L’imprevisto è la sola audacia che la vita consente al destino. Altrimenti non esisterebbero né la gloria né l’amore. Rifiutare l’imprevisto è rinunciare alla parte migliore della vita.”

 “La lontananza è un banale fatto della vita; non è che una porzione di tempo.”

 “Io taccio sulla mia felicità perché ricordo di aver veduto una rosa sfogliarsi al solo tocco di un’ala di farfalla…”

 “Il pensiero materializza le cose attraverso l’immaginazione, il ricordo e l’intuizione - quindi lo spirito è energia.

 “Tu sei l’uomo che cammina per strada, con gli fissi nel cielo; tu segui le chimere degli ideali e non  ti avvedi del baratro che s’avvicina ai tuoi piedi. Fermati, per un solo istante, in questo luogo dove ti giunge la mia voce: distogli il tuo sguardo dall’alto e abbassalo ai tuoi piedi.
Fra polvere e tra sassi troverai la verità.”

 “Il cieco solamente sospira e sorride ad un tempo – ma il cieco è infelice – non esser cieco se non vuoi soffrire.”

 “ Ho strappato un “edelweiss” dai piedi di un masso di granito, ma poi mi pentii fortemente che mi pareva d’aver forzata un’anima religiosa a violare la sua clausura.”

 “Quando al nostro spirito si affaccia un dubbio nasce la fede.”

 “Comprendere, perdonare e forse anche assolvere: è un dovere dolcissimo, anche ignaro.”

 “Gli irresponsabili non ragionano, ma per chi sa distinguere il bene ed il male negli altri, non è ammesso che non sappia riconoscerlo in sè stesso.”

 “…E di voler convincere finalmente noi stessi, povere vittime della paura, che la morte non esiste e che la nostra anima ritrova un corpo meraviglioso, perfetto, incorruttibile come Dio lo concepì  e lo affidò all’uomo moderno della creazione?”

 “Anch’io, sai, ho saputo che cosa voglia dire correre dietro un raggio di luce che andava a perdersi nelle tenebre.
Era la luce del mio ideale! E non ebbi più nulla per consolarmi. Cieco, le mie mani incoscienti avevano distrutto tutto intorno a me.”

 “Perché il mio cuore ti dica che la speranza è il coraggio, che il coraggio è la forza, che la forza è vita.”

 “Donna il tuo cuore è bello come una farfalla azzurra assopita tra qualche fiore d’arancio.
Donna il tuo cuore è come il mio canto: è bello come il sonno, dolce come il flauto, buono come la carità, ma non è mai cosciente. Donna il tuo cuore è come il mio canto perché tu senti e canti e sogni sempre….”

 “I suoni ed i colori sono gli elementi sui quali si armonizza l’universo. Il tempo è il mezzo col quale l’armonia si compie. Il disordine non esclude l’armonia, sempre quando il disordine si manifesta naturalmente. Il genio dell’uomo percepisce il rapporto che corre fra gli elementi armonici ed il tempo e lo sfrutta se è capace di non ostacolare il decorso.
La rivelazione di un’opera di genio consiste appunto nella percezione avvenuta di uno di questi processi e nella captazione del medesimo.”

 “Qual è dunque la fonte dell’amore? Esiste l’amore, il vero grande amore pel quale no si soffre; l’amore che fa della vita un luogo di pace e di dolcezza?
Se non credi nell’esistenza dell’anima, non credi nell’amore.”

 “Dire “Io ti amo” e mentire, è la stessa cosa che prendere per mano un cieco e dirgli “Venite, questa è la strada che conduce al giardino” mentre al contrario è al burrone che il sentiero conduce….”

 “Dio è presente anche nel Male nel senso, che Dio lasciando al Male di estinguersi, consente ed è testimone del suo annientamento, nella stessa guisa che egli esalta il Bene nel sopravvivere e perfezionarsi.”

  “La fine dell’Eternità risulta concepibile solamente nell’ipotesi che tutto ciò che forma l’Universo in evoluzione(la creazione continua) si arresti in un momento nel quale, la perfezione raggiunta, l’Universo stesso s’identificasse in Dio.”

Pensieri spirituali

“Soltanto in amore la natura si lascia frodare e non protesta: qualche volta, anzi se ne rallegra, perché l’eredità del genio non è consentita mai, mentre il retaggio dei mali è assicurato sempre… l’amore, è forse questo l’ultimo messo che mi è offerto per vivere fra gli uomini come uno di loro?”

 “ Così con un piede da questa parte e l’altro poggiato sull’infinito, mi sembra quasi di essere un ponte gettato fra le due età e sotto di me scorre l’universo come fluida materia che seco travolge impetuosamente il ridicolo delirio dell’uomo di volersi imporre o sottrarre a decreti che lui steso ignora. (I popoli preparano in questo momento la guerra atomica).”

 “Il pensiero è la più grande forza dell’Universo”

 “La coscienza sublime, sinonimo di quella parte “già divina”dell’uomo rivelatagli lungo la strada della conoscenza dell’anima”

 “Per quanto mi riguarda io non sono stato dotato naturalmente e in modo speciale di facoltà che mi differenziano dagli altri uomini: ciò che v’è in me  lo possiedono tutti ma, a me e a coloro che si mettono con fiducia assoluta per questa strada, è dato di giungere alla conoscenza di quell’equilibrio perfetto che governa l’universo (l’amor che muove il sole e l’altre stelle)”

 “I primo gradino della scala a percorrere e l’ultimo sono sullo stesso piano. Parole che sembrano assurde se ci ostiniamo a ragionare con l’intelligenza utile per vivere con i mezzi consentiti in questa dimensione che è quella dell’homo sapiens, il quale scopre l’energia atomica ma poi ignira la carità”

 “La verità poggia in un miracoloso equilibrio, sulla linea retta che corre fra due punti perfettamente
 definiti: l’esistenza e l’eternità, a prova e riprova dell’inconsumabilità di Dio!
  Altrove ho detto che nulla si distrugge ma tutto si accumula”

 “Dio è eterno e inconsumabile, onnipotente e multiforme e noi, parte di Dio, siamo la stessa cosa che Dio,. Ma finchè durerà questa espressione divina che è la nostra esistenza terrena, nulla comprenderemo delle cose meravigliose che ci stanno intorno e che ignoriamo di possedere e invano ci affanneremo attraverso l’Arte, la Scienza e la Religione di raggiungere o spiegare Dio, se non  ci adopereremo, percorrendo la via più semplice, a rispondere a questa domanda:

 “Per vedere Dio è necessario esser puri di cuore e morire. E ciò perché nella purezza si è già morti nei riguardi della materia o meglio nei riguardi delle leggi che la materia crea  e noi applichiamo.”

 “Ostinati come siamo a non voler riconoscere la distanza che ci separa da Dio e che nello stesso tempo ci unisce a Dio(il primo e l’ultimo gradino si trovano sulla stessa linea) viviamo in un’ignoranza colpevole e, tanto peggio per noi se, ad ogni istante una guerra ci chiama a lavare nel sangue le macchia della nostra coscienza”

 “Il male è pur sempre un’invenzione nostra e un’opera misericordiosa del Signore il tollerarlo, quale mezzo necessario per il nostro miglioramento e finalmente per la nostra salvezza..”

 “Il genio umano esprime con la musica cose che l’uomo stesso ignora né si sognerebbe neppure di aspirare ad esse. Di fronte a Beethoven o Wagner, ho sentito smarrirsi la mia coscienza umana, di fronte all’abisso che quella musica spalancava dinanzi alla mia timidezza.”

 “Nel meraviglioso, nel troppo meraviglioso l’uomo teme la potenza demoniaca, la sola che egli conosca più vicina a lui, a causa del suo errore.”

 “Il bimbo innocente, sorride e strilla felice, perché l’innocenza ignora il male e non conosce altro che Iddio.”

 “Dire che Dio è nel sole, nel lombrico, nella cenere della sigaretta, e finalmente nella carta da gioco, è asserire la verità.”

“ Nella felicità gusterò in anticipo le gocce che cadono nel cuore del nettare divino che ci è riservato; nella miseria non vedrò altro che la fine prossima e definitiva delle mie sofferenze.”

 “Non dimentichiamo mai che siamo prigionieri di noi stessi, e che, in nessun caso ci liberiamo dal nostro destino.”

 “Fermarsi dinnanzi alla porta dell’ultimo santuario e che il nostro piede non insudici le sacre dimore. Dove l’uomo finisce Dio comincia.”

 “Nella luce accenditi, nella fiamma incendiati, ma soprattutto non spegnerti mai. La tua vita è il mezzo e lo scopo ad un tempo.”

 “Le virtù e gli errori sono opere egualmente perché portano seco volontà e sofferenza. L’egoismo, solo, esclude il tutto.”

 “L’Assoluto poggia sui pilastri granitici dell’Infinito e del Sublime e nessuna cosa risorge che non sia passata attraverso questo ponte.”

 “Il vero è una convergenza di errori”

 “Siamo soltanto di passaggio su questa terra, però le nostre  storie di ogni giorno rimangono scritte in un tempo che non si logora perché di esse dovremo rispondere a Chi ha creato il nostro Spirito.”

 “Io credo fermamente in un’altra vita ove conosceremo tutto di noi e di coloro con i quali abbiamo condiviso la prova severa della nostra esistenza eterna.”

 “La conoscenza della realtà è di grande aiuto nel reperire e interpretare i preziosi simboli che ci stanno intorno e ci illuminano costantemente.”

 “Proverai la gioia immensa di aver tutto nel nulla e nulla nel tutto. Dimenticherai te stesso e farai della tua ombra un raggio di luce.”
 

Pensieri sentimentali

 “Ama, ama, ama, anche se pagherai soffrendo, soffrendo troverai la vita e nell’amore ti parrà che la vita non abbia più misteri.”

 “Val più il cuore coronato di spine che una corona nobiliare”

 “Una cosa sola non è possibile: intuire il pensiero della donna che si ama”
“I ricordi sono come le ninfee: l’acqua è la vita. Dall’acqua emerge solo la parte più bella: il fiore(i dolci ricordi). La parte brutta, le radici, non si scorge, è come i cattivi ricordi che si dimenticano.”
 “La morte è come l’amore, se la fuggi ti cerca, se la cerchi ti fugge.”
“La speranza è figlia dei ricordi. Se non vuoi ricordare, non devi più sperare.”
“Che cos’è la vita? Un veleno dolcissimo nel quale galleggiano granuli amari. Si beve il veleno e si muore adagio. Però senza accorgersene.”
“Se la tua vita ti parrà un giorno vuota e triste, fa la carità ai poveri e troverai ciò che hai perduto.”
 “Non credere mai di trovare la generosità del tuo cuore nel cuore degli altri.”
 “La vita è un giardino
Dove tutte le cose
Fioriscono e si sfogliano
Come fanno le rose.
La Primavera canta il liuto suo d’argento
Le strofe che l’autunno disperderà col vento
E l’eco di quel canto ritorna in ogni cuore
A lasciarvi il rimpianto d’ogni cosa che muore.”

“Mi sento un santo e un criminale, eppure non ho adorato nessun Dio e ucciso nessun uomo”

 “Io cammino per una strada che non è la mia: questa strada è troppo popolata, e tutto il popolo mi è indifferente e sconosciuto” 

 “E’ così che mi sento immensamente solo ed immensamente infelice. Tutto ciò a cui credo cade intorno a me, a poco a poco, come altrettanti fiori recisi dal coltello dell’esperienza e della verità.

"L’amore è l’unico bel fiore che resiste al filo di questa lama, perché intangibile, fatto com’è di sospiri e di sentimenti, non m’è dato di averlo, perché non so, non posso afferrarlo. Perché non posso perderlo. Perché sono cieco: i miei occhi sono pieni di lacrime.”

 “Sono un pazzo infelice, non sono un uomo sono un’ombra che fugge tutto e se stessa. Potrò cantare tutto solo e dire:’Amai cantando per vivere e morire’.”

 “ Nel cielo è una continua battaglia di nuvole che il vento squarcia senza pietà in ogni direzione. A tratti un piccolo lembo di azzurro conforta un poco l’animo di chi vive quassù, ma, è una cosa brevissima: è un sorriso di vita che è quasi un’ironia!”

 “Mi sentivo forte perché avevo le armi dell’amore e della speranza. Lassù, lontano dagli uomini dove nulla mi contrastava il minimo dei desideri, io scrivevo: .”

 “Bisogna squarciare questa cortina di nubi che vieta al sole di rischiarare il nostro orizzonte.”

 “Se  mi chiedessero oggi  qual è lo scopo della mia vita, non lo saprei dire. Non ho più ideali. L’ideale l’ho lasciato nella mia bella patria assieme alla giovinezza.”

 “Mi imposi una maschera che speravo col tempo divenisse un’abitudine, ma poi la maschera cadde, e mi ritrovai come prima. Ritornai ai mie versi, alla mia penna, alla mia ‘vena’ naturale….incomincia ancora a scrivere dei canti d’amore…”

 “Il mio ricordo, il mio passato! Le uniche cose che mi ricordino che sono vivo, su di una terra popolata di uomini, e che la mia legge ha un’ origine divina. Io credo di essere un santo.”

 “Da tanto tempo non piangevo più in questo modo: d’altra parte sono contento di non aver persa questa abitudine che rivela i più eletti sentimenti dell’animo.”

 “Per me stesso altro non desidero che un tranquillo pezzo di campagna ove ritirarmi e cercare le rime per i versi che ho interrotti.”

“Non c’è nessuno, io credo, che possa sottrarsi ai voleri dell’anima, e tutti, un momento o l’altro hanno quell’attimo di chiaroveggenza che li spinge a meditare su di una piccola cosa, che capita proprio lì, giusto per aprire un vasto orizzonte di luce e verità.”

 “Io sono disgraziatamente nato per un’arte che al giorno d’oggi non è più compresa da tutti: io sono semplicemente uno spostato; la mia vita non è in questo secolo rumoroso e materiale: io vivo letteralmente un secolo addietro, ma di quell’epoca non posso trarne benefici.”

 “Inalbererò alto il vessillo della mia libertà che dovrà essere una cosa terribilmente bella e spaventosamente tremenda, come il fragore di cento mari che s’urtino contro mille scogliere, come il rombo di mille tuoni che cozzino in un cielo di fuoco.”

 “E poi cos’è la stanchezza di fronte alla forza d’un ideale?”

 “La culla del sentimento è stato il dolore.”

 “Che cosa ci sia nella mia testa e nel mio cuore nessuno è  mai riuscito a saperlo. Ho una maschera sul viso che non mi si può strappare: ho dei progetti che nessuno potrà ostacolarmi. Verrà il giorno che potrò trionfare della mia forza e gridar forte che:

"Se ho sempre detestato le aule della scuola, ho curato nei più sottili particolari un’altra scuola: quella della vita.”

 “Così è la vita, troverete sempre dei fili d’erba che germogliano tra le foglie marcite ai piedi dell’albero che indifferente, sopporta le vicende del tempo, proprio come questa umanità che soffoca il lamento delle generazioni morenti nel grido di quelle che si levano, giovani e prepotenti, ignare ancora del comune Destino.”

 “Io ho compreso che per ottenere dagli altri bisogna incominciare col dare una parte di noi stessi.”

 “ La forza dei sentimenti e degli affetti perduta, e quest’ultimi valgono, da soli, più che tutto il resto. Questa è la luce che guida l’uomo per la sua strada e lo rende forte nelle difficoltà e nella miseria, perché nessuna cosa al mondo, nessun gioco del destino, nessuna malvagità da parte dgli altri uomini potrà mai mettere la mano su ciò che ciascheduno di noi porta nel cuore, come reliquia la più preziosa di una Religione e di una Fede incorruttibili.”

 “La libertà è una luce qualche volta troppo viva, e gli occhi  inesperti vi si accecano fissandone il luminoso raggio.”

 “Le difficoltà stimolano il coraggio, nel coraggio si tempera la forza, con la forza s’impone la rotta del destino. Questo vuol dire vivere. E, di vivere più che mai ho sentito forte il desiderio.”

 “Un veliero che venga a trovarsi sull’Oceano in un momento di tempesta, ammaina le vele per non  essere trascinato nei gorghi del vento e distrutto. Ritornata la calma, riprenderà la sua rotta e raggiungerà egualmente la sua meta.”

 “Tutto nella Natura è compensato con una regolarità che le intelligenze  le più scettiche non hanno ancora potuto demolire.”

 “Le anime liberate dai vincoli delle miserie del corpo, sono pre-destinate a ritrovarsi per vivere, sotto una maggiore felicità, una vita senza limiti nel tempo e senza restrizioni nella felicità stessa.”

 “Fragile cosa è la nostra esistenza considerata sul teatro delle nostre azioni: immensamente forte ed indissolubile, invece nei rapporti dello spirito.”

 “…..ma nella Natura nessun elemento si è mai opposto allo sviluppo di un altro, o se cià ha potuto aver luogo, il parto di questo infelice procedimento non è sopravvissuto alla distruzione, la legge formidabile e incorruttibile per il mantenimento dell’equilibrio e delle armonie.”

 “Io mi vendico perdonando, quando non debbo punire con il silenzio.”

 “…..nulla sappiamo di cosa si celi al di là delle siepe sempre fiorita – che ci separa dal mondo dei sogni…”

 “ Io amo immensamente tutto ciò che è passato e tutto quello che deve avvenire, perché le cose del passato non cambiano più e quelle dell’avvenire non sono ancora corrotte da destino.”

 “Monna Lisa sorride ancora dei tormenti che procurato alla mente divina che l’ha immortalata, ma è appunto il prezzo di quei tormenti che la fa sopravvivere.”

 “Io non sono nato per ricevere, sono troppo ricco , perché i miei tesori si accumulano nel nulla; quindi: ricchezza inestinguibile!”

 “Saper ‘vedere’! Ecco cosa dovrebbero insegnare coloro che insegnano!”

Vedi anche Fenomeni Psichici, l'Inconscio e la Coscienza Sublime
Ascolta Serenade F. Schubert


Dal libro "Io sono la grondaia"

Nessun commento:

Posta un commento

Google+